VOSTRE ESPERIENZE


- PAG 1 (dalla 201 in poi) -
- PAG 2 (dalla 101 alla 200)
- PAG 3 (dalla 1 alla 100) -

        Ti è accaduto qualche fatto strano? Vuoi chiarimenti? 
Raccontaci la tua esperienza!

TITOLO DELL'ESPERIENZA 
(in alto: le più recenti)
AUTORE DATA E LUOGO
DELL'AVVENIMENTO
250 "... fin da piccolo ho del le visioni premonitive, chiare ed esatte..." Roberto spesso
249 "...reincarnazione o coincidenze?..." Raffaele C. anni fa
248 "... una fiaccola vera in un cimitero di notte..." Marco C. estate 2002
247 "... le condizioni climatiche sembrano ubbidirmi..." Daniele Z. in certe occasioni
246 "...ho visto una macchia nera nel cielo e aveva la forma di un disco..." Carlo S. Baronissi (Sa), 27 maggio '06.
245 "... una voce ripetette il mio nome due volte..." Angela tempo fa
244 "...Quella bambina era morta, quasi un anno prima!..." Marco C. tempo fa
243 "...ho sentito la porta di casa aprirsi, chiudersi, dei passi che salivano per le scale..." Ambra P. spesso
242 "... questa voce divenne sempre più forte..." Ely tempo fa
241 "... trattenuta all'interno dell'orologio da un coperchietto metallico..." G.  anni fa
240 "...all’ombra scura seduta dietro al guidatore..." Elena 2 maggio 2006
239 "... passa davanti al fascio di luce una figura femminile..." M. fine settembre 2000
238 " notai dei piedi sul letto, erano i miei, ma come potevano esserlo..." V. ?
237 "... all'interno del televisore, è impresso il viso di mio nonno..." Viviane Bologna, 2006
236 "...formicolii nel corpo, sensazioni di svenimento..." Jessica spesso
235 "...sentii delle leggerissime carezze sulla testa..." Elena a volte
234 "...riguardandole si notano delle "stelle" luminosissime..." Roberto Sassari, 13/02/2006
233 "...qualcuno che mi chiamava e continuava a ripetere il mio nome..." Silvia 21 marzo
232 "...una ragazza che affermava di aver visto un UFO..." Fulvio 1995, provincia di Roma
231 "...erano passati venti minuti di cui non ricordo assolutamente nulla..." Francesca ?
230 "...non si è trattato di un aereo convenzionale..." Edoardo 3 gennaio 2006, 
Civitanova Marche (MC)
229 "...da quando sono piccola mi accadono cose strane..." Angel V. da sempre
228 "... ho sentito come una pressione sulla mia schiena che mi spingeva verso il basso..." Federica ?
227 "...gli animali avvertono maggiormente delle presenze o addirittura le vedono..." Sara 2005/2006
226 "...la bambina non era comparsa sulla fotografia!..." Leonardo 1994 circa
225 "...ho guardato la tenda (sentendomi osservata) e ho individuato una faccia..." Daniela 3 marzo
224 "...Sogni premonitori, apparizioni, consapevolezza di ciò che succederà..." Mary da sempre
223 "...mi ha sentito parlare nel sonno una lingua che non conosco..." Danilo ?
222 "... ad un tratto ecco comparire tra le nuvole un' immagine del tutto diversa..." Remy 1970 circa
221 "... sono rimasta ferma, mi sono girata e non c'era  nessuno..." Lalla 2001 ca.
220 "... sentire delle voci di persone che bisbigliavano..." Adriana Roma, da qualche tempo
219 "...ho ancora davanti a me la figura che stava seduta sul mio letto!..." Veronica 1996 circa
218 "...L'ombra sembrò girarsi verso di me, io non mi mossi..." Federico anni fa
217 "... così accese la luce, si girò... Non c'era nessuno..." Sheldam una notte del 2005
216 "...mi impedisce di muovermi e di parlare con grande sforzo..." Ivan Gennaio 2006
215 "...In questa casa si sentivano spesso dei rumori strani..." Cosimo S.Tecla (Sa), inizi del '900
214 "..sono stato svegliato da a una presenza in casa..." Cane Mascherato Gennaio 2006
213 "...l’ombra si avvicinò a mia madre e la scosse..." Daniele tempo fa
212 "...Vidi un giovane ragazzo, circa dell' età che avrebbe dovuto avere il mio fratello mai nato..." Sheldam Cagliari, anno 2002 ca.
211 "... il nome Tiziano Poctamae..." Sheldam Casa al mare, 1986 circa
Cagliari 
210 "...sento distintamente un'invisibile mano enorme che mi preme sull'addome..." Simon Pietro Spesso
209 "...mi sveglio sentendo un formicolio per il corpo ed un ronzio alle orecchie..." Franca da alcuni anni...
208 "... vidi distintamente la statua di S. Nicola farmi la linguaccia..." Donatello F. 1986 circa.
207 "...È possibile che la chiesa sia dimora di un fantasma..." Fabio ?
206 "...mi raccontano di avermi vista esattamente 2 minuti prima dall'altra parte del soggiorno..." Laura ?
205 "...sentivo voci di bambini, donne, uomini, ora più lontane, ora più vicine..." Cristina 1986 circa
204 "...una voce che mi ripeteva insistentemente "OLIO TUGILA SIGALLO"..." Lucia una notte...
203 "...quel profumo è stato l' abbraccio di mia madre..." Remy settembre, 2005
202 "...ho notato una croce nel lato destro della pancia..." Ale 3 dicembre 2005
201 "... questo fenomeno degli Umanoidi Ombra..." Graziano C. sempre
 

Non hai trovato quello che cercavi? Trovalo su Google!

Google
 

201. "...questo fenomeno degli Umanoidi Ombra..."

Ciao, prima cosa complimenti per il sito, molto completo di articoli e di esperienze di persone. Ce ne sono pochi così sul web, veramente! 

        Sono un ragazzo da sempre appassionato al paranormale (all'inizio il mio argomento preferito era l'ufologia ma ora mi interessa un po' di tutto). Stavo leggendo alcune esperienze misteriose di persone ed è inutile dire che non mi sono sorpreso di leggere più di un caso di persone che vedono o percepiscono: sagome nere, negativi, ombre... 
Su un forum dove si discute di ufologia e paranormale, io con alcuni amici, diversi mesi fa, abbiamo notato come questo fenomeno degli Umanoidi Ombra (tradotto dall'inglese Shadow People o Shadow Beings) sia sempre più frequente (o forse lo è sempre stato). Io non sapevo nulla di questi umanoidi ombra, mentre su molti argomenti di carattere paranormale ho almeno una minima conoscenza. 
Così, per curiosità (ed anche perché penso di aver avuto qualche esperienza del genere di notte mentre dormivo) ho cominciato a girare per internet alla ricerca di esperienze in inglese e in italiano (eventualmente tradotte). Ho trovato presunte foto e ho aggiunto qualche mia idea. 
È nato così un piccolo documento, ma secondo me ben fatto e molto interessante, su questa strana realtà. La loro natura è incerta ma io ho provato a dare delle spiegazioni. 

Documento: http://www.croponline.org/umanoidi_ombra.pdf

Graziano C.

 

202. "...ho notato una croce nel lato destro della pancia..."

Ciao a tutti…
          Sono un po’ sconcertata su una cosa accaduta ieri (3 dicembre 2005)... qualcuno ha idea di cosa possa essermi successo? Mentre mi stavo facendo un bagno ho notato una croce nel lato destro della pancia, guardando meglio ho constatato che era la forma di un pesce di un cm quadrato: sembrava una cicatrice. Sono sicura di non essermi tagliata per sbaglio, anche perché prima di fare il bagno non avevo assolutamente nulla, ed i segmenti sono perfetti… Uscita dalla vasca mi sono accorta di avere le mani rosse, come se fossero colorate, ma con cosa se avevo appena fatto il bagno? Non è finita qui… ho trovato nel pavimento lo stesso colore, che mi è parso sangue..
Inquietante no? Se avete un’idea di cosa possa essermi successo… fatemi sapere…

 

Ale

        Ho provato a risponderti via mail, ma mi ritornano indietro! Comunque, e questo vale per chiunque viva simili esperienze, tieni d'occhio l'evolversi del caso. L'esperienza risale al 3 dicembre scorso. Cosa c'è adesso al posto del pesce? Attendo risposta.

Giorgio Pastore

 

203. "...quel profumo è stato l' abbraccio di mia madre..."

        Era lo scorso settembre e un giorno, mentre pulivo le scale interne della mia casa, ho sentito un forte profumo gigli. Nel mio giardino, tanto tempo fa, erano stati sotterrati da mia madre, che è morta 13 anni fa, dei bulbi di gigli che crescevano e fiorivano regolarmente nel mese di settembre emanando un bellissimo e intensissimo profumo. Ma, da molti anni ormai, quei gigli non crescevano più. Sono uscita di corsa in giardino convinta di vedere nuovamente e miracolosamente i gigli profumati. Ma non c'erano, non c'era neanche un giglio nel mio giardino, e non c'era il loro profumo. Eppure, quando rientravo in casa, sentivo di nuovo sulle scale quell'intensissimo e particolarissimo profumo. Era un periodo bruttissimo per me, e avevo pregato spesso rivolgendomi a mia madre morta, chiedendole di manifestarmi il suo conforto. So che quel profumo è stato l'abbraccio di mia madre. Le lacrime mi salirono agli occhi e telefonai subito alla mia migliore amica per comunicarle la mia bellissima esperienza. Quando più tardi mio fratello rientrò a casa gli chiesi se ricordava il periodo dell'anno in cui il nostro giardino si riempiva di gigli rosa e profumati. Mi confermò che ciò si ripeteva ciclicamente nel mese di settembre di ogni anno e che da molti anni ciò non avveniva più. I gigli avevano da tempo esaurito il loro ciclo vitale. So che mia madre vive e mi ama, e così è per tutti coloro che ci hanno voluto bene e non ci sono più.
Ho avuto altre esperienze particolari nella mia vita e le racconterò in seguito. Ora lascio lo spazio agli altri e ci tengo a precisare che non amo il senzazionalismo e chi cerca di rendersi interessante raccontando frottole.
Ciao,

Remy

 

204. "...una voce che mi ripeteva insistentemente " OLIO TUGILA SIGALLO"..."

        Buongiorno, qualche volta mi è capitato durante il sonno di percepire luci e colori. Una volta ho sentito una musica meravigliosa, mi sono svegliata ed ho continuato a ricordare il motivo, peccato che non conosco la musica altrimenti avrei potuto trascriverla. Una notte c'era una voce che mi ripeteva insistentemente "OLIO TUGILA SIGALLO", e da sveglia me ne sono ricordata benissimo ed ho scritto la frase. È una lingua che non conosco e mi piacerebbe tanto conoscere il significato di quella frase. Se potete aiutarmi. Grazie, 

Lucia

 

205. "...sentivo voci di bambini, donne, uomini, ora più lontane, ora più vicine..."

        Ciao, mi chiamo Cristina. In 25 anni mi sono capitati tanti piccoli fatti strani... come: il sentire il profumo di fiori in casa, sopratutto di viole, nonostante fosse inverno, le finestre chiuse e di fiori non ce ne fosse traccia... Più di una volta sognai persone care, poi decedute, apparirmi in sogno per salutarmi prima di andarsene. Alle superiori, sognai in anticipo la morte, a causa di un incidente stradale, della mia migliore amica... eh si, cose non tanto belle, ma c'è una cosa alla quale non ho mai trovato spiegazione. 
All'età di circa 5 anni, per un periodo, ricordo che ho sentito delle voci, pur essendo in casa. Ero contornata da una folla intorno a me, sentivo voci di bambini, donne, uomini, ora più lontane, ora più vicine. Era un vociferare che non mi abbandonava neanche la notte. Sentivo i loro discorsi insomma; discorsi di miriadi di persone che discorrevano tra di loro. Le voci non erano come quelle che si sentono al supermercato, dove si sente solo un gran brusio indistinguibile. Io sentivo tutto, e la cosa peggiore era quando queste persone sembravano avvicinarsi a me, perché sentivo la loro voce vicino alle mie orecchie. E ancora, ricordo che quando mi accadeva questa cosa, ero accompagnata da una sensazione brutta. Ero piccola, ma sentivo che c'era qualcosa di strano. Avvertivo della negatività in tutto ciò, e ricordo che andavo dalla mamma e dicevo che non riuscivo ad addormentarmi perché sentivo parlare. Poi, di botto, non le sentii più. Credevo che quelle persone fossero vere, perché i loro discorsi erano troppo reali. Chissà cosa mi successe in quel periodo. Qualcuno lo sa? Baci a tutti,

Cristina

        Ciao! Prima di tutto, c'è da dire che i bambini, almeno fino all'età di sei anni (ma è tutto molto soggettivo) riescono a percepire cose invisibili per gli adulti. Spesso possono vedere e sentire elementi sottili, inerenti altre dimensioni. Col diventare grandi, si perderebbero queste facoltà. Le cause? Proprio il fatto di diventare adulti, in un mondo fatto dagli adulti, in un contesto socio-culturale che lascia ben poco spazio a tali aspetti della vita. Quindi, anche tu potresti benissimo aver ascoltato le voci di persone appartenenti ad un'altra dimensione, oppure, lontane da te nello spazio ed anche nel tempo. Oppure, in quei momenti, è possibile che tu abbia viaggiato inconsapevolmente in astrale, essere uscita di casa senza il corpo per qualche attimo ed aver udito le voci delle persone all'esterno.
A volte, capitano simili cose nei casi di paralisi notturna. Capita a certe persone, anche adulte, di trovarsi "sveglie" a letto, ma impossibilitate a muoversi, bloccate, costrette ad ascoltare un simile vociferare di persone. Successivamente, solo a fatica, questi riescono a liberarsi ed a tornare alla realtà, nello stesso istante in cui le voci cessano. Il fenomeno è comunque ancora oggetto di studio.

Giorgio Pastore

 

206. "...mi raccontano di avermi vista esattamente 2 minuti prima dall'altra parte del soggiorno..."

        Ciao a tutti!!! Complimenti per il sito. Voglio raccontarvi le mie numerose esperienze, considerando i miei 21 anni, sono tante.
Penso di essere portata per questo tipo di cose, visto che con i sogni riesco a vedere le disgrazie oppure capto il futuro un secondo prima che determinati fatti succedano.
Una volta, a scuola feci una seduta spiritica con le compagne. Che trauma!! Dovemmo staccare il dito dalla moneta per non essere scoperte; non vi dico cosa ci è successo in quei giorni: incidenti, liti furibonde, legami spezzati... un disastro. Mai più!!!
In casa ho potuto vedere oggetti che si muovevano da soli, sentire voci maschili che con voce seducente mi chiamavano (questo mi è capitato al lavoro; è successo anche a mia mamma. Precisiamo: non assumo sostanze stupefacenti!). Il pub dove lavoravo era in un condominio. Andando per le scale si sentivano rumori di sedie spostate che provenivano dal piano superiore (disabitato).
Addirittura, la mia collega è stata posseduta dallo spirito di una donna morta che abitava in quel condominio, si disperava per aver lasciato il figlio e il marito. Allucinante! 
Una volta una mia amica è venuta a dormire a casa mia. Non ha mai dormito a causa di bisbigli. Li ha sentiti per tutte le notti, finché il prete è passato a benedirle la casa. 
Ma quella che non riusciamo a capacitarci è la seguente: era estate (2 o 3 anni fa), mio cognato e mia sorella stavano parlando in soggiorno mentre io ero scesa in giardino. Dopo 20 minuti li raggiungo e vedo che mi guardano spaventati e mi raccontano di avermi vista esattamente 2 minuti prima dall'altra parte del soggiorno, mentre chiudevo la porta (questa ancora si muoveva). Cosa può essere successo? 
Vi ringrazio in anticipo per le delucidazioni.

Laura

 

207. "...È possibile che la chiesa sia dimora di un fantasma..."

        Ciao, mi chiamo Fabio, ho 26 anni e vi scrivo per raccontarmi di una mia esperienza. Dieci anni fa insieme ad due amici abbiamo formato un gruppo per lo studio del paranormale nella nostra zona. Avevamo preso di mira una chiesetta sconsacrata in ristrutturazione. L'abbiamo visitata miriadi di volte, di sabato e domenica, e queste sono le tre cose più importanti che ci sono capitate:
- Un pomeriggio, intorno alle 15:30/16:00, abbiamo provato a tirare cinque sassi dentro la chiesetta da una fessura a circa due metri di altezza. Poi abbiamo fatto un giro sul perimetro e quando siamo ritornati alla fessura i sassi erano lì, impilati.
- Una sera, intorno alle 21:00, siamo passati in bicicletta e, incuriositi da un bagliore dentro la chiesa, ci siamo avvicinati senza fare rumore. Il bagliore si vedeva nelle finestre poste nella parte alta del muro perimetrale (ad un'altezza di circa quattro metri) ed aveva una forma come un chicco di riso. Purtroppo un mio amico ha starnutito e la luce è sparita emettendo un sibilo che non avevo mai sentito.
- Infine, un pomeriggio d'inverno abbiamo lasciato un registratore vocale acceso in uno spiazzo sabbioso vicino all'entrata sopra le nostre bici, abbiamo cancellato le tracce e ci siamo allontanati per circa tre ore. Quando abbiamo ripreso il registratore ci siamo accorti che era stato interrotto dopo venti minuti su un'ora. Si sentiva rumore di passi, ma sulla sabbia non trovammo nessuna orma; un unico respiro lungo e lo stesso sibilo strano dell'altra volta. Infine, il rumore del bottone che veniva schiacciato!

È possibile che la chiesa sia dimora di un fantasma? Grazie a tutti.

Fabio

 

208. "...vidi distintamente la statua di S. Nicola farmi la linguaccia..."

        Salve, desidero condividere con voi la seguente esperienza capitatami all'età di circa 5 anni.
Un pomeriggio ero a casa dei nonni e guardavo la tv sulla stessa poltrona con mia nonna.
Il salotto era buio, illuminato solo dalla luce del televisore, che avevamo di fronte.
Dietro, sul lato destro della stanza, c'era un mobile con sopra una di quelle antiche statue raffiguranti S. Nicola, alta circa 1 metro con una veste ornata di oro e protetta da una cupola di cristallo.
Successe che, probabilmente per emulazione, ripetetti una parolaccia appena ascoltata in tv, e subito dopo nell'attimo di girarmi vidi distintamente la statua di S. Nicola farmi la linguaccia!!!
La sua espressione con cambiò, ma vidi benissimo la sua lingua uscire per un paio di centimetri dalla bocca e rientrare. Il movimento sarà durato circa 1 secondo.
Inutile dirvi che, come i bambini di quell'età, scoppiai a piangere in modo fragoroso.
Dopo quell'avvenimento, ho sempre avuto il terrore di fissare quella statua negli occhi, quasi potesse rifare quello che anni prima aveva già fatto.
Ora, a 25 anni, non ho modo di poterla analizzare meglio, in quanto è stata portata via da alcuni ladri che una decina d'anni fa entrarono in casa di mia nonna.
Ma forse è meglio così, non mi sarebbe piaciuto riceverla in eredità, anche se di valore consistente.
Tuttavia, il ricordo rimane abbastanza nitido, e non credo proprio di aver immaginato tutto, è una cosa impensabile anche per un bambino, che una statua di punto in bianco faccia una cosa simile!

Donatello F.

 

209. "...mi sveglio sentendo un formicolio per il corpo ed un ronzio alle orecchie..."

        Ciao, sono Franca, da alcuni anni, in certi periodi, mi capita che sto dormendo, poi, mi sveglio sentendo un formicolio per il corpo ed un ronzio alle orecchie, mi sembra, poi, di non riuscire ad aprire gli occhi; la sensazione è strana e, Vi assicuro, spaventosa perché sono sveglia, ma solo con la mente. Il mio cervello è incapace di muovere qualsiasi parte del corpo, riesco appena a lamentarmi mentre vorrei urlare per chiedere aiuto a mio marito. Infine mi riaddormento e tutto finisce. Potete aiutarmi a capire perché mi accade questo? Ci sono altre persone a cui succede in modo simile? Vi prego di rispondermi... Ciao e grazie.

Franca

        Il fenomeno delle paralisi notturne è più diffuso di quanto si possa pensare. Si verifica nei momenti del risveglio, soprattutto. Comunque, nel dormiveglia. Le cause ancora non sono bene definite, ma si potrebbe pensare ad un fenomeno spontaneo di "viaggio astrale", o "fuori dal corpo". Il formicolio è un sintomo tipico in questi casi. Nel momento in cui ci si sveglia e non si è ancora rientrati completamente nel proprio corpo, si può vivere un'esperienza simile. Ma si tratta ancora di teorie, cui realtà scientifica è ancora da dimostrare.

Giorgio Pastore

 

210. "...sento distintamente un'invisibile mano enorme che mi preme sull'addome..."

        Ciao, mi chiamo Simon Pietro e colgo quest'occasione per poter riferire quello che mi è accaduto diverse volte: esattamente come Franca, una signora che ha scritto qui da voi una sua esperienza, spesso la mattina, appena svegliato, sento un ronzio alla testa; rimanendo sdraiato apro gli occhi e nel giro di 2-3 secondi sento come se piombassi all'indietro nel mio cuscino e il ronzio alla testa diventa un rumore più forte, il mio corpo si blocca completamente e mi sento salire dei brividi!! la cosa più fastidiosa è che sento distintamente un'invisibile mano enorme che mi preme sull'addome e non appena faccio per alzarmi questa mi stringe sempre di più i fianchi!! allora, cerco di urlare, ma dalla mia bocca escono solo dei gemiti deboli... dopo una trentina di secondi, lentamente questo fenomeno scompare, e finalmente "libero", mi ritrovo seduto sul letto mandando a quel paese quel cavolo di avvenimento che mi rovina una mattina su 3!!! Il mio migliore amico mi ha detto che questo fenomeno non gli capita con la stessa frequenza con cui capita a me, ma afferma che riesce sempre a trovare la forza di muoversi dopo pochi secondi che viene colpito da questo fenomeno! ha detto che per liberarsi da quella strana "morsa" deve compiere uno sforzo incredibile!! Sono stufo!!! 

Simon Pietro

 

211. "... il nome Tiziano Poctamae..."

        Quando avevo circa 10/11 anni, in estate, la mia famiglia usava trasferirsi per le ferie in una casetta al mare di proprietà di uno zio in un residence vicino la mia città (Cagliari). 
Come risaputo, i ragazzini fanno velocemente amicizia e io e mia sorella (che ha un anno più di me) dopo poco tempo che stavamo in villeggiatura già eravamo amici di tutti i ragazzini presenti. 
Una mattina io, lei e due amiche all'incirca nostre coetanee siamo soli in casa e, presi dalla noia, iniziamo a raccontarci storie di fantasmi. Così decidiamo di fare una seduta spiritica. 
Eravamo piccoli, incoscienti e totalmente ignoranti in materia, così sistemammo un tavolino pieghevole in legno (aveva 4 gambe) al centro della piccola camera da letto, ci sedemmo uno per lato, unimmo le mani nella classica "catena" (in cui i miei pollici si toccavano e i mignoli toccavano quelli delle persone che mi stavano accanto), e invocammo uno spirito. Non sapevamo chi: uno a caso. 
Ai primi tentativi non accadde granché, finché tutti e quattro provammo la netta sensazione di non esser più soli nella stanza. 
Chiedemmo alla presenza il suo nome: per avere una risposta ci concentrammo tutti e 4 per qualche secondo, e con stupore verificammo di aver pensato tutti il nome Tiziano. 
Poi iniziammo a notare (o almeno questo ci parve) che alcuni oggetti sul tavolo si erano mossi. Tenemmo a mente le iniziali di tutti gli oggetti, le mettemmo in sequenza e venne fuori la parola POCTAMAE (P - posacenere; O - occhiali e così via). 
Non ricordo con precisione quali domande facemmo alla presunta entità; ricordo solo che si faceva tardi, le nostre amiche dovevano andare a pranzo, e poi questo gioco iniziava a non piacerci più, a farci paura, quindi chiedemmo all'entità di andare via. Continuammo ad avere la sensazione di non esser soli, così continuammo a chiedere diverse volte di esser lasciati in pace, finché all'improvviso, in una mattina d'estate calda e priva di ogni benché minimo alito di vento, tutti e ripeto tutti gli sportelli, le porte e qualsiasi altra cosa del genere si spalancò nel medesimo istante, quale che fosse il senso di apertura, indipendentemente dal fatto che alcune porte, finestre o il cancelletto esterno erano chiusi con maniglie, passanti e quant'altro. 
Questo ci terrorizzò, interrompemmo la catena, la seduta e scappammo fuori di casa. 
Parlammo di questa esperienza con gli altri ragazzini del residence che vollero ripetere l'esperienza ma, ovviamente, non accadde nulla. 
Però da quel momento per i giorni successivi, ogni volta che qualcuno di noi pronunciava il nome Tiziano Poctamae capitava qualche piccolo incidente tipo cadere dalla bici, sbattere contro un oggetto o piccolezze del genere: la madre di uno dei ragazzini della comitiva che si diceva esperta di queste esperienze (ma ora sono convinto che soprattutto si divertisse ad alimentare la nostra fantasia) ci disse che "poctamae" poteva essere inteso come "porta male" pronunciato da un bambino. Sentenziò quindi che l'entità era lo spirito di un bambino che voleva farci i dispetti. 
Continuo ogni tanto a frequentare quella casa al mare e non è più successo niente, anche perché mi guardo bene dal ripetere l'esperienza incosciente della mia adolescenza, però devo dire che ci sono alcune zone del residence che, soprattutto la sera, mi inquietano molto e, se racconto quest'esperienza all'interno di quella casa, continuo a sentire un forte disagio. 
Ho perso di vista le due ragazze con cui facemmo la seduta quindi non so cosa ne pensino loro ora che sono adulte: mia sorella si rifiuta categoricamente di parlarne. 
Autosuggestione di un gruppo di ragazzini? Molto probabile. Ma come si spiegano tutte le porte aperte in contemporanea, il nome pensato da tutti e 4 assieme, gli oggetti che avremmo giurato che qualche istante prima erano in una posizione diversa?

Sheldam

 

212. "...Vidi un giovane ragazzo, circa dell' età che avrebbe dovuto avere il mio fratello mai nato..."

        Mi permetto di raccontare un'altra esperienza abbastanza strana da me vissuta qualche anno fa. 
Devo premettere che la mia famiglia è composta dai miei genitori, una sorella di un anno più grande di me e un fratello di undici anni più giovane. 
Tra me e mio fratello ci sarebbe dovuto essere un altro figlio, nato morto per colpa del ginecologo che seguì la gravidanza di mia madre: lei era pronta per il parto benché leggermente in anticipo; lui ritenne di doverlo ritardare, evidentemente esagerò e il bambino morì nel ventre di mia madre. 
Questa cosa colpì e ferì molto me e mia sorella, che all'epoca avevamo rispettivamente 7 e 8 anni. 
Poi, quando avevo 11 anni, nacque mio fratello. 
Condivido la camera da letto con lui; i nostri letti stanno uno accanto all'altro. 
Una mattina mi svegliai: una debole luce penetrava nella stanza quindi mi era possibile vedere abbastanza chiaramente. ; lo vidi ai piedi del letto dell'altro, il minore. 
Mi soffermai a guardarlo per qualche istante: stava in piedi, fermo e si limitava ad osservarlo con un sorriso dipinto in volto. Per quel che posso ricordare era un bel ragazzo, ma non riesco ancora a capire se il sorriso fosse d'affetto o "maligno". Il mio stato d'animo comunque era tranquillo: esattamente come se avessi visto un altro componente (vivo) della mia famiglia in camera. 
Chiusi gli occhi per un istante e quando li riaprii quel ragazzo non c'era più. 
Ne parlai con mia madre e mia sorella, e questa cosa le spaventò molto, tanto che mi consigliarono di non dire niente all'altro fratello. Anni dopo, però gliene parlai, e mi pare che - almeno in apparenza - non abbia provato nessun disagio. 
Poteva quel ragazzo essere lo spirito del fratello che sarebbe dovuto nascere tra me e lui? 
I miei genitori dicono sempre che se fosse sopravvissuto, l'altro quasi sicuramente non sarebbe mai nato. Può essere che il sorriso fosse maligno, magari per una sorta di "invidia"? O è più probabile che fosse affettuoso, come di protezione?

Sheldam

 

213. "...l’ombra si avvicinò a mia madre e la scosse..."

        Ciao sono Daniele. Da piccolo ho avuto un’esperienza paranormale: ero in vacanza a casa di mia nonna a Palermo ed una sera, mentre dormivo nel letto con i miei genitori (ero piccolo quindi avevo paura a dormire solo) ho visto un’ombra sulla parete. Sembrava una figura medievale, come se avesse un’armatura; non dissi nulla, rimasi in silenzio,improvvisamente però, l’ombra si avvicinò a mia madre e la scosse. 
Mia madre fece un mugolio, infatti non ricorda niente perché stava dormendo, ed io a quel punto cominciai a piangere perché avevo capito che era una cosa vera se era riuscito a smuovere mia madre. I miei genitori si svegliarono, l’ombra se ne andò come spaventata, accesero la luce e non c’era più niente!!! Non so come spiegarmi questa cosa, forse era un sogno però era troppo reale, quindi credo fermamente che sia vera.

Daniele

 

214. "..sono stato svegliato da a una presenza in casa..."

        Salve a tutti, eccomi di nuovo a raccontarvi una esperienza quantomeno particolare. Una settimana fa mi è capitato di trovare due animali morti sulla strada (a distanza di 10 minuti l'uno dall'altro), la cosa mi ha turbato, ma ho pensato che fosse una coincidenza... 
Ma è anche una coincidenza che il giorno dopo, viaggiando sull'autobus, ho incrociato un incidente, un ragazzo era steso a terra; 
e qualche ora dopo, sul treno tornando a casa, una signora si è sentita male davanti a me, è svenuta, ma non so come stia ora... 
Ecco poi che la sera stessa sono stato svegliato da a una presenza in casa, stavolta non l'ho vista, ma non mi era mai capitato prima un contatto diretto come questo (se ricordate, queste presenze le ho sempre e solo intraviste). Ebbene, questa invece mi ha tirato l'elastico del pantalone del pigiama, lasciandolo poi scoccare sulla mia pelle, tanto che mi sono svegliato... non c'era nessuno e non era un sogno...
È molto strano che questi segni e queste presenze si facciano vive ogni qual volta sono in un periodo particolare della mia vita. Non è la prima volta che mi succede ma un contatto così diretto non l'avevo mai avuto.....

Cane Mascherato

 

215. "...In questa casa si sentivano spesso dei rumori strani..."

        Ciao sono Cosimo da Pontecagnano (SA), e ho gia scritto l'esperienza n° 199.
La mia bisnonna raccontava a mia mamma alcune storie di fantasmi, nelle quali i protagonisti erano lei o i suoi familiari.
Una delle più inquietanti è questa: 

        Agli inizi del '900, la mia bisnonna, abitava con la sua famiglia, con le sue 5 sorelle e i genitori, in una casa molto vecchia a S.Tecla di Montecorvino Pugliano (SA). In questa casa si sentivano spesso dei rumori strani, ma la cosa più sconvolgente accadeva di notte: una delle sorelle della mia bisnonna si lamentava del fatto che, di notte, qualcuno si sedeva sul suo petto e non la faceva respirare, e non riuscivano a capire cosa fosse, perché non c'era nessuno nella stanza oltre a loro.
Questo è andato avanti per molto tempo, fino a quando traslocarono in una nuova casa.
Dopo qualche tempo, parlando con alcuni vicini, seppero che cos'era successo nella loro vecchia casa prima che andassero ad abitarci: una vecchietta era stata assassinata dalla nuora, che la uccise schiacciandole la testa in una madia (cassa di legno).
Un saluto alla redazione,

Cosimo

 

216. "...mi impedisce di muovermi e di parlare con grande sforzo..."

        Pure a me succede come nella testimonianza dell'amico dell'esperienza n° 210, solo che a me la presenza mi monta addosso e mi impedisce di muovermi e di parlare con grande sforzo di tutto il corpo. A Milano, poche settimane fa, in hotel, mi è parso di sentirla avvicinare sul letto e allora ho pensato: eccoci, e arrivata! E, per ben 2 volte, è riuscita a bloccarmi.
Penso che però questa presenza colpisca solo nel sonno, ovvero, quando siamo addormentati, in maniera da poterci prendere con più facilità.

Ivan "Codice_Rosso"

 

217. "...così accese la luce, si girò... Non c'era nessuno..."

        Una notte del 2005. A dire il vero questa non è un'esperienza mia ma di mia madre. 
Una sera andò a dormire senza aspettare mio padre. 
Stava sul suo lato del letto, già stava per addormentarsi quando ad un tratto sentì che qualcuno l'abbracciava da dietro. Era un abbraccio fortissimo, tanto da farle male, e da farle avere una sensazione come di soffocamento. Non capiva se era un abbraccio esageratamente affettuoso o una stretta violenta, ma ovviamente pensò si trattasse di mio padre, così accese la luce, si girò... 
Non c'era nessuno. 
La cosa le fece una gran paura, così si alzò ed andò da mio padre che se ne stava tranquillo, in soggiorno, davanti alla tv, che non immaginava niente. 
Quest'esperienza le fece così paura che da allora aspetta mio padre per andare a letto, o le rare volte che lo lascia davanti alla tv dorme con la porta aperta e almeno con un'abat-jour accesa...

Sheldam

 

218. "...L'ombra sembrò girarsi verso di me, io non mi mossi..."

        L'esperienza che voglio raccontare accadde quando avevo dieci anni. Lo ricordo ancora benissimo.
Abitavo in una casa del centro di Torino, e ricordo confusamente e senza precisi riferimenti che, nel periodo della mia esperienza, avevo iniziato a sentirmi angosciato, sognavo sempre cose un po' inquietanti. 
Una sera i miei andarono a dormire presto e mia sorella era fuori da un'amica. Ovvio che sia tanta la suggestione di un bambino da solo in casa ed al buio, ma quello che ho visto, seppur di vacua entità, ha indirizzato la mia vita verso gli studi che conduco oggi. 
Come dicevo, da alcune notti sognavo cose angoscianti, mi svegliavo con un peso che mi opprimeva lo sterno, molte volte rimanevo in uno stato catalettico o di dormiveglia, di quelli dove senti l'impossibilità di muoverti pur avendo mezza coscienza del mondo attorno. 
Stavo guardando la tv in soggiorno quella sera e mi prese di nuovo quella sensazione che ero abituato a sentire solo dopo il sonno. 
Mi girai verso la mia camera e vidi nella luce azzurrina della tv il profilo di un uomo che guardava dentro il muro. Durò tutti alcuni secondi, non più di sei o sette. L'ombra sembrò girarsi verso di me, io non mi mossi, poi questa entrò in camera mia e non la rividi più. mai. 
Ero atterrito, ma stranamente riuscii a controllarmi. O, più che altro, controllai il panico con la confusione. 
Ho l'impressione che qualcosa volesse farmi sapere che esisteva per il semplice fatto di poter non apparire più.
Da allora sono passati 15 anni ed ancora studio il possibile sull'argomento.

Federico

 

219. "...ho ancora davanti a me la figura che stava seduta sul mio letto!..."

        Questa strana esperienza mi è successa all'incirca 10 anni fa.
Ci eravamo trasferiti per alcuni mesi in un appartamento in centro città, mentre finivano di ristrutturare il nostro.
Ricordo che era il periodo della maturità delle superiori e sarà stato lo stress o non so che, ma una notte è successa una cosa davvero stranissima.
Avete presente quella strana sensazione di essere osservati?
Ebbene, era notte fonda, erano circa le 02:00, la stanza era buia, avevo la sensazione che qualcuno fosse entrato in camera, sentivo proprio una presenza, e ho aperto gli occhi… ho ancora davanti a me la figura che stava seduta sul mio letto!!!
In un primo momento, ricordo di aver pensato “ma che cavolo ci fa mio padre seduto qui!” ma poi mi sono resa conto che non poteva essere lui, questa “persona” (?) aveva un cappello e mi osservava, non diceva nulla.
Lo ammetto, mi è presa una paura incredibile perché non riuscivo a capire chi fosse e poi ero sicura che in casa non ci fosse nessuno tranne me e i miei genitori! Ho chiuso e riaperto gli occhi (stavo ancora sognando?), ma la figura rimaneva li!
Ho nascosto la testa sotto il lenzuolo per una decina di minuti, letteralmente spaventata e quando ho acceso la luce non c’era nessuno.
È la cosa più strana che mi sia successa, avrei potuto pensare a un’allucinazione, ma è durata troppo, ero ben sveglia perché ho guardato l’ ora, mi son mossa, e le sensazioni provate erano troppo forti per essere frutto dell’inconscio.
Ma la cosa che mi ha spaventato ulteriormente, a distanza di 10 anni da quel giorno, è successa quest’estate, quando parlando con una collega che non sapeva nulla di sta cosa, ho saputo che aveva avuto un incontro come il mio… nello stesso condominio alcuni anni prima!!!!!!

Veronica

 

220. "...sentire delle voci di persone che bisbigliavano..."

        Ciao, mi chiamo Adriana e ho 16 anni. Pochi mesi fa avevo comprato un cellulare nuovo e mi ci sono messa a giocare. Mi sono fatta delle foto a in una di queste sono apparsa io, ma anche un ragazzo di circa 20 anni. Lui si trova sul margine della foto e si vede benissimo il suo occhio, la sua bocca, il suo sopracciglio. Io non ho avuto paura perché dentro me qualcosa mi diceva di stare tranquilla. Poi mi è capitato di sentire delle voci di persone che bisbigliavano per certo periodo, adesso non più, ma ora mi capita di vedere persone come ad esempio un bambino che scappava, e oggi 26-02-06 ho visto una persona dal busto in giù che attraversava dei cespugli e pochi secondi dopo non c' era più. Non capisco perché non riesco a vedere la loro faccia... io mi chiedo cosa significa tutto questo, che mi è capitato, cosa vuol dire? Per favore datemi una risposta. 

Adriana (da Roma)

 

221. "...sono rimasta ferma, mi sono girata e non c'era  nessuno..."

        Ciao! Voglio parlarvi di due esperienze che mi hanno interessato. Una risale a cinque anni fa, era da poco morta mia madre e pregavo di poterla  salutare per l'ultima volt, e mentre ero sul letto a piangere ed ho sentito un abbraccio, sono rimasta ferma, mi sono girata e non c'era  nessuno. Sono convinta che era mia madre. La seconda esperienza è avvenuta un sabato. La sera prima io e dei miei amici abbiamo parlato di  questi avvenimenti ed io ho detto che, secondo me, l'anima di mia madre non era sulla terra. Il giorno dopo, per due volte consecutive, mi si è cambiato canale da solo, ed il telecomando era distante da me. Per me, era lei che mi voleva far capire che è qui con me! ciao!! 

Lalla

 

222. "...ad un tratto ecco comparire tra le nuvole un' immagine del tutto diversa..."

        Questa è la seconda esperienza particolare che vi racconto. È senz'altro la più straordinaria della mia vita. Potevo avere circa otto o nove anni e stavo distesa su un giaciglio di paglia nel giardino della mia casa in Sardegna. Era una splendida giornata primaverile e mi godevo il tiepido sole mentre guardavo le poche bianche nuvole che galleggiavano nel cielo azzurro. Mi divertivo a trovarvi le forme più strane. Sembravano valorosi guerrieri epici, oppure principi e principesse delle favole, draghi e quanto di più fantastico la mia mente infantile poteva immaginare. Era un gioco molto piacevole per me, e soprattutto molto rilassante, perché la mia mente poteva dare libero sfogo alla sua fantasia. 
Ma ad un tratto ecco comparire tra le nuvole un'immagine del tutto diversa, che certamente non apparteneva al mio mondo fantastico. L'immagine aveva spessore, ma era eterea, quasi trasparente, con i contorni luminosissimi, difficile da descrivere, una figura di luce, nitidamente scolpita nel cielo. Essa per di più si avvicinava velocemente verso di me, discendendo dal cielo. E questo è ciò che vidi: un vecchio con radi capelli e una lunga barba stava seduto dietro un tavolo nell'atto di scrivere con una penna d'oca un grosso libro aperto più o meno a metà. Sul tavolo erano presenti inoltre un calamaio e sulla parte opposta un teschio, terribile immagine per i bambini della mia età. Il vecchio pareva vestito (per quel tanto che si poteva intravedere dalle parti non nascoste dal tavolo) da un saio o forse una tunica. Tutta l'immagine richiamava l'idea dell'essenzialità. l'immagine reale e decisamente poco fiabesca mi incute un vero e proprio terrore, soprattutto il teschio. Si avvicinava a me e il vecchio pareva addirittura muovere le labbra, come se volesse dirmi qualcosa. Balzai letteralmente dal mio giaciglio di paglia e mi catapultai dentro casa chiamando a squarciagola mia madre. Quando mia madre vedendomi stravolta mi chiese cosa era successo, risposi: "mamma, ho visto un Santo"! Non so perché, dissi così. L' immagine non aveva infatti alcun simbolo sacro, il vecchio non aveva l' aureola, non erano presenti immagini sacre. Credo che dissi così perché vidi l' immagine scendere dal cielo dove mi avevano insegnato stava il paradiso con il nostro buon Dio, Gesù e tutti i suoi Santi. l' inquietudine mi accompagnò per tutta la sera e la notte chiesi a una mia sorella di poter dormire insieme a lei nel suo letto. Crescendo (ora ho 44 anni) mi sono sempre chiesta il senso di quella "visione". Ora che i teschi non mi fanno più paura, vorrei incontrare nuovamente lo strano vecchio e parlare con lui. La sua figura ora mi affascina. Alcuni degli oggetti presenti come la penna d'oca e il calamaio sembrano collocarla lontano nel tempo. Mi chiedo il perché di quella "visita" in un tempo per me (quello dell'infanzia) in cui non ero pronta a riceverla. Ho cercato quell'immagine ovunque. Ho sfogliato libri, enciclopedie intere. Per me quell'immagine è assolutamente reale, quel vecchio è esistito ed esiste ancora. Desidero rincontrarlo, ma ora che non ho più paura, non riesco a vederlo più. In qualche modo gli voglio bene perché mi aiuta a credere che qualcuno dal cielo veglia su di noi. Vorrei che se qualcuno ha avuto esperienze di questo tipo le condividesse con me e sarei infinitamente grata di sapere se e come Giorgio Pastore riesce a spiegare l'accaduto.
Grazie, 

Remy

        Ciao, difficile dire cosa tu abbia visto. I bambini riescono a vedere più cose rispetto agli adulti, quindi non c'è da stupirsi che tu abbia avuto tale esperienza. Qualcosa hai visto, ma cosa? Un Santo? Questa è la prima cosa che hai pensato, per il semplice fatto che ti hanno sempre insegnato a vedere i Santi in questo modo, associandoli al cielo, al saio, al libro. Tipici simboli religiosi. D'altro canto, nella maggior parte dei casi, sono stati i bambini i protagonisti delle apparizioni mariane e religiose in genere. 
Potremmo formulare varie ipotesi. Potresti effettivamente essere stata testimone di un'apparizione di questo tipo. Oppure, potresti semplicemente aver razionalizzato, tramutando qualcos'altro in quel che hai visto. Ciò spesso accade senza che ce ne accorgiamo. Se la cosa che vediamo è del tutto originale, fuori dai nostri schemi mentali, tendiamo ad associarla a qualcosa di già visto e conosciuto (come ad esempio la figura del Santo). Ma si tratterebbe, in questo caso, solo di una pseudo-forma, una maschera della realtà, difficile da comprendere altrimenti. Crescendo, perdiamo molte delle nostre facoltà. Per questo motivo, ora ti è impossibile vedere simili cose. Potrebbe ancora capitare, essendo portata per natura a vivere tali esperienze; ma solo in rari momenti di predisposizione psicofisica. Tuttavia, credo sia impossibile cercare di comprendere certi fenomeni. Probabilmente, non saprai mai con certezza quel che hai visto, ma se adesso, con gli occhi d'adulta, ricordi con piacere quel giorno, è sicuramente positivo. Questo conta. L'effetto, anche se posticipato. Credi di aver vissuto quell'esperienza in un periodo in cui non eri pronta a riceverla. In effetti, ti sbagli. Tu eri pronta, e sicuramente qualcosa è cambiato in te, quel giorno. Forse, se adesso non ti capita più di viverla, c'è un motivo. Sempre, per tutto c'è un motivo. 

Giorgio Pastore

        Quando ho letto l'esperienza 222 il cuore ha cominciato a battermi forte forte e ora vi spiego perché. 
Dunque non so se crediate agli spiriti guida, io personalmente prima non ci credevo ma poi, durante una meditazione, sono venuta in contatto con un vecchio con una lunga barba bianca vestito esattamente come Remy descrive nella sua esperienza. Lui stesso mi disse che era un dottore della chiesa, S. Girolamo, e che era il mio spirito guida, perché in quel momento io stavo studiando la Bibbia e stavo facendo esperimenti sulla reincarnazione tramite l'ipnosi. Visto il mio scetticismo, anche perché io non sapevo assolutamente nulla su questo Santo, lui mi disse di documentarmi, così avrei capito perché era proprio lui il mio spirito guida.
Ovviamente lo feci immediatamente, e dove cercare se non su internet? Ebbene, rimasi sbalordita perché San Girolamo è il santo che ha tradotto la Bibbia dall'ebraico e dal greco in latino, ed è una delle prime persone che sostenne la teoria della reincarnazione. 
Voi direte: che c'entra ciò con l'esperienza di Remy? Semplice, basta che andate su Google e cercate i ritratti esistenti di S. Girolamo. Vedrete che la maggior parte di questi lo rappresentano seduto ad un tavolino con una piuma in mano mentre scrive su un grosso libro, ed accanto a lui o ai suoi piedi si trova un teschio (simbolo della caducità della nostra vita).

Claudia L.

 

223. "...mi ha sentito parlare nel sonno una lingua che non conosco..."

        Voglio raccontarvi questa cosa: due sere fa mia sorella, che dorme insieme a me (abbiamo il letto matrimoniale) mi ha sentito parlare nel sonno una lingua che secondo lei era tedesco o comunque di ceppo germanico. 
Il punto è che io non ho mai studiato tedesco (o una lingua simile); di questa lingua so solo che è quella che si parla in Germania, Austria, Svizzera e altri stati. 
Sempre secondo mia sorella, mi è capitato di parlare nel sonno in inglese, ma la differenza sta nel fatto che invece l'inglese l'ho studiato (e lo parlo quasi correntemente). 
Come mai questa cosa? 

Danilo 

 

224. "...Sogni premonitori, apparizioni, consapevolezza di ciò che succederà..."

        È la prima volta che visito questo sito e devo ammettere che mi piace molto. Ho deciso perciò di condividere alcune esperienze con voi. Da quando ero piccola mi capitano cose che ritengo un po' strane. Sogni premonitori, apparizioni, consapevolezza di ciò che succederà... All'inizio mi piaceva tutto questo e non nego di essermi concentrata per sviluppare queste, che ritenevo delle capacità. Col tempo però ho incominciato a spaventarmi e poco alla volta ho cercato di "smettere di sentire". Più o meno ci sono riuscita, ma non riesco a evitare cose importanti che riguardano la mia vita e quella dei miei cari (morte, nascita...). A volte però mi capita ancora di svegliarmi perché sento la voce di qualcuno che cerca di comunicare con me, ma io non voglio e faccio di tutto per non sentire. 
A volte penso che sia tutto frutto di qualche mia psicosi, ma poi trovo riscontro e mi spavento. Non è bello sapere prima se accadrà un fatto negativo o pensare che realmente esista qualcosa aldilà delle nostre conoscenze sensibili e della nostra vita così come normalmente intesa. Ultimamente sento che dovrei provare a sentire di nuovo, ci sono troppe coincidenze che sembrano portarmi a dover riaprire la mente, ma ogni volta mi blocco, atterrita dalla paura dell'irreale e dal dubbio che sia solo follia.

Mary

        Ciao! Credimi: non è follia! Sono davvero tante le persone che "sentono" e "vedono" oltre... Ma la società in cui viviamo ci impedisce, molto spesso, di condividere con altri le nostre esperienze. Proprio per paura di essere considerati folli. Ammiro chi trova questo coraggio, di farsi avanti, di indagare in questi ambiti. Credo sia doveroso farlo, dato che anch'essi fanno parte della nostra vita.

Giorgio Pastore

 

225. "...ho guardato la tenda (sentendomi osservata) e ho individuato una faccia..."

        Ciao, pochi giorni fa, esattamente il 3 marzo, mi è capitata una cosa stranissima. Ero sola in casa, e stavo studiando, quando ad un certo punto mi è arrivata un alitata di caffè ( ho già raccontato diverse esperienze e ho fatto accenno anche a questo fenomeno), solo che, avendo il naso tappato, non sono riuscita a sentire bene questo odore, so solo che come sempre era un odore molto forte, ed è proprio questo che mi ha permesso di sentirlo. Ho pensato appunto, essendo raffreddata, che potevo aver sentito male, e ho continuato a studiare. Non so se vi capita di sentire, quando siete soli, il "rumore del silenzio"... Io lo sento, e molte volte mi capita di sentire "dentro" questo rumore, rumorini o passi, che sono diversi dai rumori esterni (come ad esempio i passi di una persona, lo scricchiolio di mobili, ecc) . Quella sera, dopo aver sentito odore di caffè (e non ne avevo assolutamente né fatto né bevuto), sentivo passetti veloci ma non pesanti, nell'andito e nella camera dove stavo, e mi sentivo osservata (mi è capitato altre volte). Ho pensato che forse stavo iniziando a condizionarmi e ho continuato a studiare, ma all'improvviso mi arriva un altra "alitata" di caffè... Continuavo a sentire rumorini fino a quando la mia tartaruga si è mossa di scatto, come quando mi affaccio di colpo nell'acquario per guardarla, e poi, era come se avesse mangiato qualcosa (ma la cosa strana è che in inverno entra in letargo, e io non le do niente da mangiare, quindi, cosa potrebbe aver mangiato...?), sono rimasta alquanto stupita e ad un certo punto ho guardato la tenda (sentendomi osservata) e ho individuato una faccia (simile all'immagine della sindone, tanto per capirci), e pian piano ho distinto occhi, zigomi, capelli, fronte, bocca e particolari... Assomigliava proprio a mia nonna! Io avevo gia associato "L'alitata" di caffè a mia nonna, non so perché... Però credo di averne avuto la conferma quel giorno: quando tornò mia madre le chiesi se il 3 marzo era successo qualcosa di memorabile, ma mi disse di no... Poi le raccontai della faccia sulla tenda e la portai in camera per fargliela vedere... Riuscì a vederla anche lei e anche mio padre... ho fatto più foto ma non si vede niente perché la luce della stanza è molto forte e sul cellulare la faccia non è distinguibile. Cosa ne pensate? Un saluto,

Daniela

 

226. "...la bambina non era comparsa sulla fotografia!..."

        Salve a tutti, avevo 10 anni quella volta a Gardaland, e volevo fare un giro sulle montagne russe, quando, poco prima di salire, mi si avvicina una bambina e mi dice di avere 7 anni circa (non ricordo bene). Poi, quando scendo dalla giostra, lei mi saluta. Vado a vedere le foto che scattano e poi vendono a fianco dell'attrazione gli stessi gestori del parco giochi e mi accorgo che la bambina non era comparsa sulla fotografia! Non c'era! Non ci credevo, e in questi anni (adesso ne ho 22) non ho mai smesso di pensarci. Mi torna sempre in mente. Dagli 8 anni fino agli 11, ho immagazzinato molti ricordi di quello che mi successe, ma... non riesco a capirci nulla... Vorrei delle risposte o qualche aiuto per poter capire... é la prima volta che scrivo di questo da qualsiasi parte. Grazie mille!

Leonardo

 

227. "...gli animali avvertono maggiormente delle presenze o addirittura le vedono..."

        Salve, qualche mese fa, mi trovavo sola in casa, i miei genitori erano partiti per le ferie. Premetto che circa 9 anni fa un mio compagno di scuola si è tolto la vita impiccandosi, da allora io pensando a lui avverto timore, paura. Quella sera mi trovavo sul divano con il mio cane, non so per quale strano motivo ho pensato al mio amico defunto, come sempre ho cercato di scacciare il pensiero per la paura. Improvvisamente il mio cane ha iniziato a ringhiare in maniera straordinaria, con lo sguardo rivolto verso la parete. Non c'era niente sulla parete e non si sono sentiti strani rumori che possano averlo agitato. L'associazione del pensiero del mio amico e lo strano comportamento del mio cane, mi hanno spaventata tantissimo, anche perché capita che io mi senta  proprio osservata da lui, me lo sento quasi addosso qualche volta, ma non è una sensazione piacevole, tutt'altro direi. Devo anche dire che non eravamo molto legati all'epoca del brutto avvenimento e quindi, ammesso che dopo la morte rimanga veramente qualcosa nella nostra dimensione del nostro essere, non credo che Lui possa manifestarsi a me. Probabilmente son solo coincidenze, ma dopo quello strano fatto, ne sono seguiti altri 3 molto simili, questa volta con la presenza anche di altre persone. Forse gli animali avvertono maggiormente delle presenze o addirittura le vedono, non so ma è stato inquietante e misterioso...

Sara

 

228. "...ho sentito come una pressione sulla mia schiena che mi spingeva verso il basso..."

        Ciao sono Federica ho 15 anni, mi è capitata un'esperienza strana, mentre ero a letto, sveglia, con la testa sotto al cuscino da sola a casa, ad un certo punto ho sentito come una pressione sulla mia schiena che mi spingeva verso il basso, e mentre accadeva ciò il cuscino si sollevava leggermente da una parte. Ho avuto molta paura e sono rimasta pietrificata. È successa una cosa simile a mio fratello più grande, mentre era da solo nel mio letto che riposava ha sentito come se qualcuno premesse sul cuscino. Voi sapeste spiegarmi che cosa sia accaduto per favore? È un interrogativo che ancora ci portiamo dietro. Ciao a tutti, 

Federica

 

229. "...da quando sono piccola mi accadono cose strane..."

        Ciao ho 18 anni; da quando sono piccola mi accadono cose strane. Fino ai primi anni delle medie ero empatica, nel vero senso della parola. Negli ultimi invece sentivo le presenze, le sentivo accanto a me, sentivo a volte che mi toccavano, altre volte vedevo delle ombre... negli ultimi anni invece ho molte sensazioni. Quelle che mi hanno spaventato di più sono state: la prima, un po' di tempo prima che il papa morì. Era notte fonda e di botto mi alzai, con un forte dolore al cuore e ripetevo una frase "il papa morirà". 
Ne avevo la certezza assoluta. La cosa mi spaventò molto quando successe veramente. 
L'ultima invece è stata qualche settimana fa. Ero a scuola quando ad un certo punto ho iniziai ad avere una sensazione bruttissima, il cuore batteva a mille, la paura mi aveva invaso e iniziai a tremare... ad un certo punto mi venne in mente un mio amico, che sta a 700 e passa km e che non sentivo da un po'; la paura, al suo pensiero, aumentava; così arrivata a casa iniziai a mandargli messaggi finché non mi rispose e io gli raccontai tutto dicendogli di non prendermi per pazza, e lui mi rispose "non sei pazza, stamattina ho rischiato un incidente", non sapevo se essere felice o aver paura. 
Una cosa che invece è rimasta costante è il fatto che ogni volta che parlo con qualcuno e gli sto vicino, penso alle stesse identiche cose, ma non parlo solo di frasi, discorsi interi a volte.
L'unica cosa che non capisco è perché vada a periodi. 

Angel V. 

        Ciao, per quel che ne sappiamo, questo tipo di fenomeni variano da persona a persona, da situazione a situazione, da periodo a periodo. Ad esempio, si pensa che periodi più propizi per vivere simili esperienze siano quelli dei solstizi, equinozi e quelli di luna nuova. Ma non è una regola fissa. Come dicevo, dipende molto dal "sensitivo". Prova ad annotarti le date e verifica se è così. Poi, se vuoi, facci sapere.

Giorgio Pastore

 

230. "...non si è trattato di un aereo convenzionale..."

        Prima di iniziare vi vorrei porgere i miei saluti e complimenti per il vostro sito. 
Una mia esperienza successa mesi fa, decido di divulgarla a tutti.

        La sera del 03/01/2006 alle ore 18.15, Civitanova Marche (MC), passeggiavo con il mio cane in zona stadio in un appezzamento di terreno dietro la palazzina dei carabinieri.
Essendo un po’ nuvoloso, con aperture rade di cielo, si intravedevano le stelle più luminose. Guardando in alto, venni attratto dall’illuminazione di quattro luci che, ad un tratto, erano diventate cinque. Strinsi stretto gli occhi, li riaprii, erano sempre li. Le luci erano così posizionate: centralmente, lungo una fascia obliqua giallo ocra; le altre due stelle (chiamiamole cosi, perché brillavano di una luce bianca molto forte) erano posizionate alle due estremità. Il corpo centrale era lineare nella parte inferiore; sulla sommità era come se avesse tante mezze lune, per tutta la sua lunghezza. Era immobile, inclinato di un 15% circa verso sinistra, non pulsava come le luci degli aerei in movimento; l’altezza si stima intorno ad 1 km. La distanza pure. Distante 1,5 km dal mare. Tempo dell’avvistamento: due minuti circa. Essendo immobile l’oggetto, si è constatato un ingombro molto grande rispetto ai veivoli civili e militari. Avendo viaggiato spesso con aerei civili ed essendo stato arruolato nel corpo VAM dell’Aereonautica Militare posso dire che non si è trattato di un aereo convenzionale.
La cosa ancora più strana ancora è che la stella (la reputo stella per dare un’idea dell’effetto) di sinistra si illuminò a tal punto che tutto si dissolse in un secondo; poi una nuvola coprì tutto. Il mio cane (Boxer) stette sempre fra le mie gambe. Vi lascio con un cordiale saluto,

Edoardo

 

231. "...erano passati venti minuti di cui non ricordo assolutamente nulla..."

        Ciao, sono Francesca e ho 39 anni.
Premetto che ormai convivo sin da bambina con delle esperienze, che se dovessi raccontare, mi farebbero finire dritta dentro a una casa di cura per malattie mentali.
Conosco direttamente i fenomeni Esp e Pk e dopo averci studiato sopra, ho accettato questa parte di me che, prima, spesso mi faceva spaventare.
Oggi scrivo perché qualche giorno fa è successo qualcosa di diverso da tutte le mie precedenti e frequenti esperienze.

        Ero in stato di veglia, più precisamente stavo facendo esercizio fisico in soggiorno, con la cyclette, e nel contempo seguivo un programma tv in attesa del tg delle 20. Mi ero proposta di esercitarmi per trenta minuti.
È successo che dopo dieci minuti ho "avuto uno stacco", un vuoto di memoria per i successivi venti minuti; il mio ultimo ricordo è fermo al programma televisivo che precedeva il tg.
"Ho ripreso" contatto con la realtà nel pieno svolgimento del tg. Mi resi conto che era successo qualcosa e, verificando, erano passati venti minuti di cui non ricordo assolutamente nulla. In casa non ero sola, mio figlio era poco distante che faceva dei compiti usando il pc. L'ho interrogato con cautela per non destare sospetti in lui e per sapere se si era accorto di qualcosa di strano nel mio atteggiamento, nulla, non avevo fatto nulla di strano se non usare la cyclette normalmente.
Ma qualcosa è successa perché al momento del mio "ritorno con i piedi per terra" ero stanchissima...
Per me questa è una cosa nuova, diversa dagli altri "viaggi", dove son sempre rimasta cosciente di quel che succedeva.
Potreste aiutarmi a capire cos'è successo?
Grazie di cuore. 

Francesca

        Ciao, grazie per averci scritto. In effetti, non è così semplice capire quel che ti è successo. L'ipotesi più probabile è che tu abbia viaggiato in astrale in modo inconscio. Anche se sei informata e pratica di queste cose, può sempre capitare di vivere esperienze non volutamente. Se qualcuno avesse qualche altra ipotesi può sempre scriverci. Aggiungeremo qui il suo parere. Ti invito anche a chiedere un parere agli utenti del nostro forum, grazie!

Giorgio Pastore

 

232. "...una ragazza che affermava di aver visto un UFO..."

        Ciao, mi chiamo Fulvio, ho 47 anni e non credo di essere un folle. 
Nel 95 ho visto in cielo di notte (cielo limpido, luna piena) una forma trapezoidale, ad un'altezza di circa 2000 mt, con quattro luci ai vertici. Era visibile perché era, praticamente, più scuro del cielo, e vi erano dei piccoli oggetti luminosi che gli giravano intorno. 
Fin qui tutto normale o quasi, la cosa strana è che, dopo diversi giorni, mi trovavo in un posto dove stavo aspettando degli amici. In un'altra stanza altre persone che io non conoscevo parlavano animosamente. Mi avvicinai per curiosità e scoprii che stavano prendendo in giro una ragazza che affermava di aver visto un UFO. Mi feci coraggio e le chiesi di farmi un disegno di ciò che aveva visto. Era esattamente la stessa forma che avevo visto io!!! Non conoscevo quella ragazza, mai vista in vita mia. Ma la cosa strana è che era figlia di un alto ufficiale dell'AMI e che il papà le aveva confermato di avvistamenti strani in quel periodo (1995). Tempo fa ho scritto a ufonet, ma dopo diversi scambi di e-mail non ho saputo più niente. Nell'ultima, mi fecero riempire un modulo e nient'altro. Io non so cosa ho visto, ma sono sicuro che non era un aereo o simile, anche perché non emetteva nessun tipo di rumore. Io vivo a nord di Roma in un piccolo paese vicino al Monte Soratte, e so che li ci sono stati degli avvistamenti, tant'è vero che a dicembre scorso la mattina si vedevano elicotteri neri che giravano da queste parti. Sarà un caso? Ciao e grazie.

Fulvio

        Ciao! Che tu abbia visto un UFO non ci sono dubbi, in quanto ("Oggetto volante non identificato" - OVNI in Italia). Il difficile è, e resterà sempre, nel tuo caso ed in altri, stabilirne la natura. Terrestre o extraterrestre? Ancora non abbiamo alcuna certezza, ma certe manovre effettuate da alcuni UFO ed altri fenomeni connessi ci porterebbero a credere che, nella maggior parte dei casi, ci troviamo di fronte a veivoli provenienti da "altrove". Come controprova, il fatto che ultimamente anche certi apparati governativi e militari stiano allentando un po' la cinghia. Basta pensare alle importanti affermazioni di Paul Hellyer, ex ministro della difesa USA e Canada [per saperne di più: http://www.croponline.org/bushufo.htm].

Giorgio Pastore

 

233. "...qualcuno che mi chiamava e continuava a ripetere il mio nome..."

        Ciao mi chiamo Silvia e volevo raccontarvi la mia storia. L'altro giorno (21 marzo) ero a casa da sola e stavo guardando la TV. 
Ad un certo punto la tele si spense da sola io non ci diedi molta attenzione. Poi accesi il computer e si spense anche quello.
Incominciai a preoccuparmi. Poco dopo lo stereo si accese da solo su una stazione precisa "radio maria", io mi spaventai molto.
Spensi lo stereo e mi chiusi in bagno. Lì ho sentito qualcuno che mi chiamava e continuava a ripetere il mio nome. Ero terrorizzata, così uscii di casa e non successe più niente. Vorrei sapere cos'è successo a casa mia quel giorno, vi prego aiutatemi!
Complimenti per il sito,

Silvia

        Ciao, grazie per i complimenti! Il fatto che gli elettrodomestici si accendano e spengano da soli (specie quando si tratta di radio, stereo e tv) potrebbe essere dovuto ad interferenze elettromagnetiche generate da radio installate su camion, e simili, di passaggio nei dintorni. Ho detto "potrebbe" perché può capitare, ma non posso dirlo con certezza. Invece, la voce che ti chiamava è più inspiegabile. Tuttavia, non è da escludere qualcosa che rientri denna fenomenologia paranormale. Come ho risposto ad Angel nell'esperienza numero 229, i periodi più adatti per vivere simili eventi sono proprio quelli dei solstizi e degli equinozi. Come tu stessa hai scritto, era il 21 marzo.

Giorgio Pastore

 

234. "...riguardandole si notano delle "stelle" luminosissime..."

          Buona sera a tutti... La sera del 13 febbraio del 2006, ero in piazza con degli amici e siccome c'era la luna piena (cosa che mi piace tantissimo) ho deciso di scattargli 2 foto... Al momento non ho notato nulla... però riguardandole si notano delle "stelle" luminosissime... Qualkuno potrebbe dirmi di che si tratta??? Se notate la forma è trapezoidale, come descritto nell'esperienza 232... In attesa di una risposta vi porgo i più cordiali saluti. robsass.jpg (33477 byte)
 

Roberto (da Sassari)

 

235. "...sentii delle leggerissime carezze sulla testa..."

        A me capita, fin da quando ero piccina, di vedere come delle piccolissime particelle nell'aria, che però si muovono e agiscono tramite un pensiero proprio. Tra l'altro, ho l'assoluta certezza che in casa mia ci fossero dei "fantasmi" (detti alla brutta). Insomma, io sapevo che le anime dei morti restano in mezzo e, a volte, a contatto coi vivi solo se, al momento della propria morte, avessero avuto affari in sospeso. Allora, che cosa vogliono tutte queste persone da me?! Le sento, le sento distintamente! Sono sempre lì con i loro ronzii e carezze! Dopo un paio di mesi o poco più hanno deciso di sloggiare, ma una è rimasta. Credo proprio che fosse mia nonna, morta sei anni fa, quando io avevo 9 anni. Lei è morta di Cancro e, come tutti i malati, aveva le sue esigenze. Ma io ero una bambina e non capivo perché non si potesse alzare e prendersi l'acqua da sola, o andare al bagno da sola. Così, un giorno le dissi tante cattiverie... Due giorni dopo morì... Io non capii all'istante quello che era successo. Vedevo solo mia madre che piangeva (ed è raro vederla piangere!). Persino il giorno del suo funerale, mi sembrava uguale a tutti gli altri. Per l'appunto, credo che l'affare in sospeso di mia nonna siano proprio le mie scuse. Così, un giorno che stavo da mio nonno a studiare, sentii delle leggerissime carezze sulla testa. Rabbrividii e continuai a leggere senza però ascoltare i miei pensieri. Dopo alcuni minuti tutto cessò. Mi girai, ma dietro di me vedevo solo l'intonaco bianco del muro... Stranamente, non provai allora e non provo neppure adesso paura. Trovo solo che gli "spiriti" di cui tanto si parla e di cui si ha così tanta paura non siano altro che anime incompiute vaganti per la terra alla ricerca della completezza spirituale. Che cercano di raggiungere i loro cari per vederli... un'ultima volta. 

Elena

 

236. "...formicolii nel corpo, sensazioni di svenimento..."

        Ciao a tutti, mi chiamo Jessica, ho 22 anni e di cose me ne sono davvero successe tante... tutte le sere, ogni qualvolta arriva l'ora di addormentarmi, mi viene una gran paura, una paura cosi forte da farmi sentire senza forze, formicolii nel corpo, sensazioni di svenimento che alla fine accadono davvero... tutte queste cose sono causate da me stessa, ma sono talmente reali che mi fanno una grande paura... aiutatemi perché mi sembra di cadere in un pozzo scuro senza fondo.

Jessica

 

237. "...all'interno del televisore, è impresso il viso di mio nonno..."

        Ciao, sono una ragazza di Bologna, vi scrivo per raccontarvi quello che succede da ormai 3 giorni a casa mia. Premetto una cosa, nove anni fa sono andata per Natale da mia nonna, mio nonno era morto da un anno, scattammo una foto in cucina, eravamo attorno ad un tavolo e dietro di noi c'era (e c'e tutt'ora) un televisore piuttosto grande, di quelli vecchi. Non so se per difetto della pellicola o altro ma in quella foto, in alto all'interno del televisore, è impresso il viso di mio nonno. L'ho fatta vedere a parecchie persone perché non ci credevo nemmeno io, e molti concordano che in effetti è un fatto strano. Comunque tornando a noi, ciò che accade è che la tv si spegne da sola. Solitamente dalle 3 alle sei o sette volte come ieri per esempio. A volte dal telecomando, altre direttamente dalla tv stessa. Questo fatto avviene a casa mia e sinceramente non me lo so spiegare, però temo abbia a che vedere con quella foto. 

Viviane

 

238. "notai dei piedi sul letto, erano i miei, ma come potevano esserlo..."

        Una notte di settembre mi svegliai, ero confuso, la porta della stanza era aperta e filtrava la luce, ad un tratto mi sento trattenuto, non era una paralisi notturna, ero in grado di muovermi, ma qualcosa mi trascinava verso il letto, nel tentativo di liberarmi ho cominciato a dibattermi appoggiando i piedi al muro e spingendo, fu in quel momento che notai dei piedi sul letto, erano i miei, ma come potevano esserlo se li avevo appoggiati al muro? E io ero cosciente, non era un sogno, sicuramente stavo fuggendo dal mio corpo, ma qualcosa mi respingeva dentro. Non ci credete? La notte dopo in sogno ho saputo che John Titor non è un temponauta, ma la guerra nucleare che ci ha annunciato ci sarà. Non so quando, ma la Russia sarà a dimezzare il mondo, se non ci credete controllate ciò che ha detto Titor e mettetelo a confronto con la terza rivelazione di Fatima, scoprirete che non dico il falso. 

V.

 

239. "...passa davanti al fascio di luce una figura femminile..."

        Salve a tutti, comincio col raccontarvi la mia esperienza: era all'incirca fine Settembre del 2000 quando una mattina, di punto in bianco, decisi di recarmi da solo in un rifugio di montagna di mia proprietà per rimanere un po' da solo nella tranquillità delle montagne venete dopo lo stressante periodo lavorativo estivo. Deciso di rimanere a dormire mi organizzai con termos di caffè, cibo e altro, un buon libro e tanta convinzione, dato che lassù non c'è né elettricità né riscaldamento e acqua potabile. Dopo una lunga salita, arrivo, mi riposo un po' e comincio a mettermi al lavoro, tagliando qualche rovo e cercando di pulire il decespugliatore. Proprio mentre stavo cercando uno straccio per pulire l'olio del motore sento qualcosa dietro di me, mi giro e vedo due grossi cani neri che da distante cominciano ad avvicinarsi..senza farmi prendere dalla paura lascio il decespugliatore e raccolto un bastone, indietreggio di schiena con calma fino ad arrivare al rifugio, quindi mi chiudo dentro. Dalla finestra riesco a vedere i due cani che si avvicinano e cominciano a girare attorno al rifugio... passa un po' di tempo e comincia a farsi buio e i cani stavano seduti proprio di fronte alla porta d'entrata. Comincio a prepararmi per la notte quando sento un raglio di un asino, sento abbaiare, e altri rumori di lotta giù nel prato sottostante, poi più nulla. Prendo un accetta ed esco con cautela dalla porta e niente, i cani erano spariti... bene! mi dico, rientro e comincio a preparare il fuoco, fuori ormai è notte quando ad un certo punto sento la voce di una donna parlare fuori dalla casa. Vi dico che il posto è totalmente isolato dal mondo e non è né un luogo maledetto né sede di riti satanici o altro... dopo un po' di brivido lungo la schiena, chiudo definitivamente la porta e punto la torcia elettrica verso il campo... per qualche secondo nulla, ma ad un certo momento passa davanti al fascio di luce una figura femminile vestita con un abito nero e un grosso cappello in testa rotondo. Camminava con calma e sembrava conoscere il posto molto bene, dietro la seguivano i due cani neri a testa bassa. Spensi subito la luce e alla flebile luce della luna la si vedeva scendere giù nel bosco. Terrorizzato da quella visione mi misi nel sacco a pelo e la notte passò comunque bene. La mattina mi svegliai, avevo il corpo coperto di punture di insetti, mi sentivo male e decisi di scendere. Passando vicino al prato vidi qualcosa che spuntava dall'erba e decisi di andare a vedere... in uno spiazzo di erba tagliata circolarmente vi era piantato un bastone e sopra di esso vi era impalato il teschio di un asino... stanco di quelle cose, gli diedi un calcio e distrussi tutto, quindi tornai a casa più stanco e distrutto di prima. Tutt'ora ritorno spesso al rifugio, ma non è più successo nulla...

M.

 

240. "...all’ombra scura seduta dietro al guidatore..."

        Ciao sono vengo da un paese vicino Pisa e vi ho scritto per sapere se quello che mi è successo può essere collegato in qualche modo al soprannaturale. Oggi, martedì 2 maggio 2006, come sempre alle 7.40, sono uscita da casa in motorino per andare a scuola. Appena uscita in strada mi sono fermata allo stop e davanti a me avevo una panda bianca di quelle vecchie. Così, come faccio e credo che facciano tutti, guardo dentro e vedo quattro figure, però la mia attenzione si concentra sulla persona o almeno all’ombra scura seduta dietro al guidatore. Inizialmente mi è venuto da pensare che fosse una macchina piena di persone di colore dato che è frequente trovarne anche se c’era qualcosa che non mi tornava perché alle 7.40 di mattina i lineamenti del viso sono facilmente visibili (quelli invece non tanto). Io dopo pochi secondi ho smesso di guardare per il motivo sopra citato. Poco dopo la macchina parte e si dirige nella stessa direzione dove dovevo andare anche io, ed è a questo punto che mi ricapita di guardare nella macchina e vedo quel posto ( l’unico non occupato da persone bianche) vuoto e non c’era nessuno accucciato… io non so cosa pensare, l’ho detto ai miei genitori e la prima risposta della mia mamma è stata che forse era il riflesso della mia testa con il casco, ma quando ho visto questa “ombra” girava la testa verso destra e verso sinistra come per controllare se la strada fosse libera per il passaggio e quindi non potevo essere io che avevo la testa ferma per guardarlo… vorrei tanto una spiegazione o almeno sapere se quello che ho visto poteva essere un fantasma, anche perché queste cose mi affascinano molto e in tal caso sarei molto contenta… 

Elena

 

241. "...trattenuta all'interno dell'orologio da un coperchietto metallico..."

        Molti anni fa mi trovavo in vacanza con la mia ragazza e una coppia di amici; un giorno in cui stavamo chiacchierando tranquillamente, tutti sentimmo il rumore di un piccolo oggetto che cadeva sul pavimento.
Dopo una breve ricerca trovammo a terra una pila da orologio, istintivamente la mia ragazza si guardò il polso su cui portava l'orologio e si accorse che questo non funzionava.
Decise così di andare con l'amica dall'orefice del paese portando con sé la pila che avevamo trovato a terra. 
L'orefice, dopo un po' di tentativi, riuscì ad aprire l'orologio. Si accorsero che la pila all'interno non c'era, che la pila che aveva portato con sé la mia ragazza era la pila che andava bene per l'orologio che portava e che una volta inserita la pila questo era perfettamente funzionante.
Ci tengo a precisare che quando sentimmo il rumore dell'oggetto che cadeva al suolo, la mia ragazza portava l'orologio al polso e che la pila non faceva anche da tappo ma, era trattenuta all'interno dell'orologio da un coperchietto metallico.
Sapete dirmi cosa potrebbe essere successo? Grazie mille!

G.

 

242. "...questa voce divenne sempre più forte..."

        Salve, su consiglio di una mia amica vorrei raccontare di una mia esperienza che ho vissuto qualche notte fa. Ero tornata da poco a letto e stavo sognando un bambino di pochi mesi che gorgogliava tranquillo, questa voce divenne sempre più forte fino a svegliarmi. Ormai sveglia, continuai a sentirla come se fosse venuta da una di quelle apparecchiature che si usano per sentire i bambini da una stanza all'altra quando sono piccoli con quel suono di radiolina e mi sembrava chiaramente che venisse dallo spazio vuoto tra me e mio marito che mi dormiva accanto. Sempre più sveglia e ad occhi aperti nel buio continuai a tendere le orecchie con la convinzione che fosse mio marito che, respirando, emettesse dei suoni che potevano assomigliare a quelli che sentivo, ma non era così. A quel punto, spaventata, anche se la vocina era tranquilla e mi trasmetteva serenità, accesi la luce per vedere se il suono poteva venire dalla bocca di mio marito, ma questa era chiusa e dopo un suo sussulto cominciai a sentirlo e vederlo respirare normalmente e non sentì più la voce. Avrei voluto raccontare questa esperienza subito dopo accaduta, ma per una serie di vicissitudini non ci sono riuscita. Qualche giorno dopo ho partecipato ad una meditazione collettiva e mentre l'organizzatore ci guidava nel silenzio per prepararci ad entrare nella stessa, e mentre tutti cominciavano a fare silenzio e stavano ad occhi chiusi (circa 200 persone) dal silenzio si alzò una vocina di un bimbo che gorgogliava tranquillo, era il figlio che una coppia di partecipanti aveva portato alla meditazione, a quel punto ho sentito un calore salirmi lungo la spina dorsale e, ad occhi chiusi, ho continuato a piangere per cinque minuti. Credo che, in qualche modo, qualcuno abbia voluto invitarmi a quella meditazione attraverso quell'anima di bimbo e attraverso di lui abbia voluto dirmi "sono qui".

Ely

 

243. "...ho sentito la porta di casa aprirsi, chiudersi, dei passi che salivano per le scale..."

        Ciao! Mi chiamo Ambra e quest'anno compirò 21 anni. Voglio raccontarvi diverse esperienze "inspiegabili" accadute a me e alla mia famiglia.
Premetto che sia io che mia mamma abbiamo frequenti episodi di sdoppiamento, confermati anche da persone che ci hanno visto in luoghi dove non saremmo potute essere visto che eravamo sdraiate in casa nostra in quel momento, facciamo sogni premonitori (spesso facciamo lo stesso sogno la stessa notte) sia di eventi che riguardano la nostra famiglia (fortunatamente non solo morti e malattie, anche se sono prevalenti, ma anche notizie buone a volte), riusciamo a vedere l'aura intorno alle persone.
L' esperienza che mi ha sconvolto di più riguarda una "rivelazione" su una mia possibile vita precedente. Avevo 17 anni, verso la fine della scuola, stavo organizzando un viaggio in treno (interrail) con dei miei amici verso i paesi del nord con lo scopo di arrivare in Norvegia. Una notte ho fatto un sogno terribile: un uomo molto più grande di me, che sapevo essere mio marito, mi mostrava immagini di navi che affondavano che mi spaventavano molto. Nel sogno sapevo il nome di mio marito, sapevo che era un re e ho visto chiaramente prima di svegliarmi il suo volto raffigurato su una moneta. Il giorno seguente ho raccontato questo strano sogno a mia madre, e per curiosità siamo andate su internet a cercare informazioni su questo re.. Potete ben immaginare la mia sorpresa quando di fianco al suo nome c'era esattamente la stessa immagine che avevo visto nel sogno!! E quando scoprii che sua moglie di 17 anni morì nel naufragio della nave sulla quale stava viaggiando per tornare in Norvegia da suo marito... Mi sono spaventata a morte, ho cambiato la destinazione della mia vacanza.. E che macabra sorpresa quando al telegiornale, nel periodo in cui sarei stata in viaggio per la Norvegia, hanno trasmesso la notizia della morte di un ragazzo che stava facendo lo stesso viaggio interrail che avrei dovuto fare io! Purtroppo non riesco a dare informazioni più precise perché poco tempo dopo l'accaduto (cioè dopo la morte del ragazzo) ho "perso" tutte le informazioni riguardanti il re e la sfortunata regina 17enne.. Anche volendo non riesco a ricordarmi nessun dettaglio, nessun nome, nessuna data! Ho provato anche a cercare di nuovo su internet (in base alle poche notizie che mi ricordavo) le informazioni che avevo trovato in precedenza. Può essere veramente un ritorno di una persona cara di una vita precedente che tentava di avvisarmi di un pericolo? O solo un banale sogno?
Altre esperienze.. Racconto quelle più recenti. Quando avevo 11 anni mi sono trasferita con in miei genitori nella casa in campagna in cui viviamo attualmente. 

-Uno dei primi fenomeni strani a cui abbiamo assistito è stato il rumore delle ruote di legno di un carro che ad orari impensati (anche di notte) si sentiva nel piazzale che conduce al bosco e ai campi davanti a camera mia. Si sente spesso, a volte anche più sere di seguito. Ho pensato che qualcuno magari potesse davvero, anche ad orari strani, andare nei campi con la carriola (come facevano spesso degli anziani del mio paese), quindi ogni volta che sentivo quel rumore mi affacciavo alla finestra per vedere se effettivamente ci fosse qualcuno ma non ho mai visto nessuno. Anche mia mamma ha sentito questo rumore, ma non ci siamo influenzate a vicenda, come spesso accade, perché ne abbiamo parlato insieme un giorno dopo aver già sentito il rumore. Inoltre l'ha sentito anche il mio ragazzo, ultra scettico su tutto quello che riguarda il paranormale, e anche lui non ha saputo dare una spiegazione a questo rumore inconsueto dato l'orario. Abbiamo controllato insieme ma non abbiamo visto niente.
-Un altro fenomeno di questo tipo riguarda però un suono di uno strumento musicale, ad orari strani. Io non ho vicini, abito nell'ultima casa in alto alla collina del paese, e accanto a me ci sono solo i campi e il bosco, quindi non può provenire da qualche casa adiacente alla mia. Come l'altra volta, l'abbiamo sentito più volte sia io che mia madre e ne abbiamo parlato solo dopo averlo sentito entrambe, quindi non ci siamo fatte suggestionare dal racconto dell'altra. 
-In una stanza della casa invece spesso si trova la luce accesa, la cosa sconvolgente è che capita anche di giorno, e soprattutto se è in casa solo una persona (quindi non c'è il dubbio che altri l'abbiano lasciata accesa per sbaglio..).
Inoltre sempre in questa stanza si trovano spesso gli oggetti spostati, libri caduti, e il caso più eclatante è quello di una sedia del tavolo che viene trovata girata di 180° rispetto alla sua posizione di origine, cioè invece che girata verso il tavolo si trova girata verso la porta finestra alle sue spalle!
In più chi ha dormito in quella stanza (pur non essendo stata avvertita dei fatti strani che accadono lì dentro) ha avvertito sensazioni spiacevoli, inquietudine, alcuni hanno affermato di aver visto qualcosa o qualcuno in piedi in fondo alla sala, e anche di aver sentito una campana suonare di notte (c'è una chiesetta davanti a casa mia, ma le campane vengono suonate solo a mezzogiorno e di sera alle 7 nel periodo del rosario).
Sempre in questa stanza della casa, di recente, mentre piegavo i panni con mia mamma, io rivolta verso la porta e lei di spalle, ho visto un uomo in piedi, e la visione è stata così nitida che ho detto "ciao papà" convinta che fosse lui, tornato a casa dal lavoro prima del solito.
-Un altro fatto che mi ha spaventato un po' (ma solo quando ho realizzato che non era qualcosa di reale come pensavo che fosse) è successo un giorno mentre ero in casa da sola e aspettavo che i miei genitori tornassero a casa dal supermercato dove erano andati a fare la spesa. A un certo punto (avevo solo il pc acceso, niente suoni, musica, o tv accesa) ho sentito la porta di casa aprirsi, chiudersi, dei passi che salivano per le scale, la porta in alto alle scale che si apriva e si chiudeva, e qualcuno che entrava in cucina. Ho sentito delle voci, ma come se provenissero dalla televisione. Ho quindi pensato che i miei genitori fossero tornati e fossero andati in cucina a mettere via la spesa accendendo la tv... Sono entrata in cucina e ho trovato la cucina vuota ma con la luce accesa.. Episodi di questo tipo sono accaduti spesso, a volte più forti, a volte più deboli. L'ultima volta che è accaduto in modo più violento mi ha spaventato. Ero in casa con il mio ragazzo verso le 7 di sera, eravamo appena arrivati a casa e dovevamo preparare la cena. I miei genitori erano al lago a pescare sarebbero tornati come al solito intorno alle nove di sera. Abbiamo messo un film (mi sembra "tesoro mi si sono ristretti i ragazzi", quindi niente che potesse suggerire un atmosfera da brividi) e mentre lui stava andando in bagno a lavarsi le mani abbiamo sentito la porta in fondo alle scale aprirsi. Ci siamo stupiti perché non avevamo sentito arrivare la macchina, ma abbiamo dato per scontato che fossero i miei genitori che tornavano a casa prima. Mi sono affacciata alla finestra ma non ho visto traccia della macchina parcheggiata. Lo dissi al mio ragazzo mentre tornava dal bagno, ma lui non ci voleva credere perché aveva sentito una voce di donna che parlava tra sé mentre andava in camera dei miei genitori passando quindi davanti al bagno.. Il rumore della porta che si apriva e chiudeva si è ripetuta più volte durante la sera, e i miei gatti sono rimasti irrequieti fino a quando sono tornati i miei genitori (e contemporaneamente quando tutto è finito), i gatti continuavano a correre sulla scala a osservare la porta che sembrava si aprisse e si chiudesse (mentre in realtà era solo il rumore) e poi correvano in casa terrorizzati. Rispetto agli altri avvenimenti strani, la cosa particolare di questo è che mi ha fatto veramente paura, non era qualcosa di buono (come ad esempio l'uomo che ho visto in piedi davanti alla porta, non mi ha fatto paura, anche se l'ho rivisto più volte.)
-Altra cosa strana successa a mia mamma in questa casa. Un pomeriggio era sola in casa, rilassandosi sul divano le è capitato di sdoppiarsi. Si è sentita però infastidita da voci di bambini che provenivano da sotto casa. Questi bambini parlavano dei nostri animali (ne abbiamo molti) dicendo che erano belli gli animali, che è bello giocare con loro, soprattutto perché qui (inteso nel mio paese) non ci sono altri bambini con cui giocare. Nel giro di due giorni ci sono morti due pesciolini rossi, due quaglie, un cane e un gatto (tutti animali sani, senza traccia di malattie..) Parlando di questo fatto siamo giunte alla conclusione che forse gli "spiriti" dei bambini non distinguono il bene dal male perché sono morti prematuramente in una fase della vita in cui non si è ancora pienamente formati come persone, e che quindi potrebbero averci "portato via" gli animaletti che tanto gli piacevano per tenerli con loro e giocarci.. È possibile?
-Mi è capitato di sentir parlare delle persone in camera mia, però, come nel caso precedente in cui pensavo che i miei genitori fossero in cucina a sistemare la spesa, erano delle voci quasi metalliche, come se fossero mediate dalla televisione o dalla radio. Non mi ricordo cosa stessero dicendo perché mi sono spaventata e ho cercato di non sentirle.
-Mia cugina, quando era piccola, veniva spesso a dormire a casa mia, e ha detto più di una volta di aver sentito una melodia in casa (come quella che sentiamo anche io e mia mamma, di cui ovviamente non abbiamo parlato con lei) e ha detto di aver visto più volte delle persone in casa, persone che ovviamente non c'erano "materialmente"...
-Nella casa in cui abitavamo prima, nel mese di aprile, mia mamma (ed è successo qualche volta anche a mio papà, pur essendo scettico riguardo al paranormale) ha visto più volte una donna anziana seduta sul letto durante certi giorni del mese. Si è informata ed è venuta a sapere che la signora che abitava prima in quella casa era morta ad aprile proprio in quei giorni. Mia mamma è andata al cimitero dove c'era la tomba di questa signora, le ha acceso un lumino e ha detto qualche preghiera per lei e il fatto non è più accaduto.
-A casa di una famiglia che conosceva, mia mamma ha trovato per terra una medaglietta, quelle classiche d'oro che raffigurano un santo. L'ha consegnata ai proprietari della casa, dando per scontato che fosse qualcosa che avevano smarrito. Alla sera ha ricevuto una telefonata dal padre della ragazza presso cui si era recata il pomeriggio che, terrorizzato, diceva che la medaglietta era quella con cui era stata sepolta sua moglie qualche anno prima, e che non poteva essere in casa (anche perché dopo la sua morte si erano trasferiti in una casa nuova.) Può essere che la defunta abbia "usato" mia madre come tramite per un apporto?

Questi sono solo i fatti più "rilevanti"... Ma le nostre vite sono un susseguirsi di eventi di questo tipo, più o meno intensi... Più avanti vi invierò ancora qualcosa magari!

Ambra P.

 

244. "...Quella bambina era morta, quasi un anno prima!..."

        Mi chiamo Marco e voglio parlarvi di un fatto accaduto a mia nonna:
aveva 17 o 18 anni e stava andando in campagna quando incontrò una bambina sotto un ciliegio che giocava con una bambola. Mia nonna continuò a camminare quando una mezz'oretta dopo la stessa bambina era seduta sotto un ciliegio a giocare con la stessa bambola. Mia nonna allora (piuttosto sconcertata ma incuriosita) le chiese chi era. La sera quando mia nonna tornò a casa raccontò l'accaduto alla mia bisnonna che, più che scioccata e spaventata, voleva avere una descrizione della bambina. Quella bambina era morta, quasi un anno prima!

Marco C.

 

245. "...una voce ripetette il mio nome due volte..."

        Ciao mi chiamo Angela ho 16 anni, volevo raccontarvi la mia esperienza... Un giorno dell'anno scorso in estate dovevo andare al mare alle 7:15 di mattina, e misi la sveglia alle 7:00. La notte dormii tranquilla, quando sentii una voce (forse maschile, non ricordo) che mi chiamava, ripetette 2 volte il mio nome fino a che mi svegliai, io pensavo che fosse mia madre, ma stava dormendo, vidi subito l'orologio ed erano le 6:55, 5 minuti prima che suonasse la sveglia. Forse pensai che era solo un sogno e che è stata una coincidenza a svegliarmi a quell'ora. Ma il giorno dopo accadde la stessissima cosa, una voce ripetette il mio nome due volte ed io mi svegliai e anche questa volta mancavano 5 min. al suono della sveglia. Secondo me era l'anima di qualcuno, forse mio nonno che è morto lo stesso anno in cui io sono nata e non l ho mai conosciuto, che mi faceva da sveglia. Grazie!!! 

Angela

 

246. "...ho visto una macchia nera nel cielo e aveva la forma di un disco..."

         Salve, sono Carlo S. e scrivo da Baronissi in provincia di Salerno. Il 27 maggio mentre svolgevo i compiti esattamente alle 13:12 ho visto una macchia nera nel cielo e aveva la forma di un disco. Allora mi sono precipitato subito a fare una foto che vi ho allegato. Dopo un po' è sparito a gran velocità senza lasciare tracce. Allora ho pensato di contattare il C.R.O.P. ed eccomi qui. Vi prego analizzate la foto perché ho avuto un fremito a vedere quella cosa e sinceramente ho paura che mi abbia visto. Arrivederci e grazie. 
 

CARLO S.

 

247. "...le condizioni climatiche sembrano ubbidirmi..."

        Buongiorno a tutti, ho conosciuto questo sito circa un anno e mezzo fa e devo dire che mi è piaciuto molto. Così, leggendo molte esperienze, finalmente mi sono deciso anch'io a raccontare le mie. Premettendo che da sempre mi piacciono tutte le cose strane di questo mondo (UFO, Santo Graal, magia ecc.) ho cercato da sempre di approfondire questi argomenti. Bene ora ecco le mie "esperienze" con i relativi poteri:

1. Meteosensitivismo: sono bravo a far cambiare il tempo: ho scoperto di avere questo potere dopo aver letto un'esperienza. All'inizio mi dicevo: ma come fanno? sono robe complicate per me! Poi il giorno dopo mi sono concentrato per far sì che il cielo si annuvolasse e così è stato. Da prima allora non ci credevo ma adesso per esempio dopo un'ora circa dopo essermi concentrato, le condizioni climatiche sembrano ubbidirmi. Sono stato sempre appassionato dei temporali e quant'altro riguardante il tempo(neve, grandine)! Per me scoprire questo potere è stato davvero entusiasmante.

2. Percezione dell'aura: non so come mai ma questo potere lo possiedo solamente alla mattina quando guardo i miei professori e compagni e sopra di loro vedo uno strato spesso 5 o 6 cm di colore verde chiaro-azzurro-violaceo. Ma a cosa serve questo potere?

3. Il sonno: questo però non mi capita quasi più... però fino a 6 mesi fa circa quando dormivo beatamente mi succedeva spesso di muovermi di scatto e di balzare dal letto. Oppure a volte sentivo anche come se "stessi cadendo nel vuoto" col cuore in gola. Inoltre quando vado a letto mio padre è solito stare al piano di sotto con la tv accesa ad alto volume. Così mi capita spesso di pensare a cose strane mentre sono in dormiveglia e, non so come, dalla tv sento qualcosa di logico che si collega ai miei pensieri. Cioè come se stessi facendo gli stessi discorsi delle persone in tv. I sogni premonitori mi capitano poche volte. Mi sveglio con frequenza durante le notte e proprio una sera mentre mi ero appena svegliato ed ero in dormiveglia ho sentito una bottiglia di vetro muoversi dal piano di sotto come se sbattesse contro un'altra (non erano i miei perché russavano!). Coincidenza? La bottiglia non poteva fare rumore qualche minuto dopo o prima?

4. Premonizioni: Di premonizioni ne ho avute molte ma soprattutto in certi periodi. Nell'80 per cento dei casi sono giuste ma a volte sbaglio. Una volta, e ci penso ancora adesso, ero sul letto seduto normalmente. Mio nonno, poverino lui, stava molto male 5 anni fa. Allora io ero sul letto e CASUALMENTE ho detto: "Il nonno muore il 31 Maggio". Ma non so perché l'ho detto. Sta di fatto che quando ritorno da scuola quel giorno (il 31 maggio) mio padre mi disse: "Sai Dani il nonno è morto." La mia reazione stupì mio padre. Corsi su di sopra e stesi tutto il giorno a piangere. Invano, poi dissi: "Risorgerà questa notte" ero in preda al panico. Ma nulla; oramai era morto.

5. Percezione di entità: questo potere l'ho scoperto circa 3 anni fa. Siccome mi passano sempre persone dietro di me, sono "sensibile" agli spostamenti d'aria e capisco che c'è qualcuno dietro di me. Così mi accade anche nel momento in cui mi volto all'indietro e non c'è nessuno. Ma è come se ci fosse qualcuno che provochi uno spostamento d'aria e poi non so come, ma dal mio orecchio riesco a percepire se è alla mia destra o alla mia sinistra.
Questo è tutto. Grazie della vostra attenzione.

Daniele Z.

 

248. "...una fiaccola vera in un cimitero di notte..."

        Mi chiamo Marco, ho 16 anni e vengo da un paesino in provincia di Roma.
Una sera dell'estate del 2002 (avevo 12 anni), io ed alcuni miei amici ci siamo intrufolati in un cimitero per ammazzare il tempo. Mentre chiacchieravamo passeggiando nel cimitero vedemmo un'ombra, come se fosse stata l'ombra di un uomo in tunica incappucciato. L'ombra si mosse velocemente sull'alto muro si recinzione per una distanza di circa 15 metri. Fin qui poco di strano, poteva essere un effetto ottico che aveva ingannato me ed i miei... 9/10 amici!!!! Ma la cosa più spaventosa era che la nitida ombra portava in mano una "vera" fiaccola accesa, quelle che si mettono davanti alle tombe. Insomma, un'ombra di un uomo che porta in mano una fiaccola vera in un cimitero di notte... è un pò inquietante, non trovate?

Marco C.

 

249. "...reincarnazione o coincidenze?..."

        Ero piccolo e facevo spesso un sogno ricorrente, camminavo in mezzo alla neve ed ero molto stanco, il cielo era plumbeo e scuro... insieme a me cerano altre persone, eravamo vestiti di scuro, tutti uguali. Di lontananza vedevo una casa con il caminetto acceso e il fumaiolo, cercavo di raggiungerla ma la stanchezza era molta poi il sogno finiva mentre io cercavo a gattoni di trascinarmi per raggiungere quell'ultima speranza. Di recente stavo vedendo in televisione un documentario sui reduci dei soldati italiani in Russia durante la seconda guerra mondiale, e uno di loro raccontò che mentre facevano la via del ritorno per tornare a casa per la stanchezza vedevano dei miraggi e spesso erano queste case con il fumaiolo acceso, poi raccontò che molti morirono per la stanchezza e per il freddo. Ora io vi domando come faceva la mia mente di bambino a fare questo tipo di sogno, che era anche molto reale, e poi a ritrovare riscontro nella storia? Poi mia madre mi raccontò che quando ero piccolo cominciavo a piangere se vedevo armi, e ora che sono adulto o una vita molto spartana simile a un militare... reincarnazione o coincidenze? Complimenti per il sito.

Raffaele C.

 

250. "...fin da piccolo ho del le visioni premonitive, chiare ed esatte..."

        Salve a tutti. Il mio nome è Roberto, ho 31 anni e sono di Cagliari. Volevo prima di tutto farvi i complimenti per il bellissimo sito e poi volevo porvi i miei due casi, premettendo che sono ateo ed elettrotecnico, quindi abbastanza con i piedi per terra e che se non ho prove sicure non credo, soprattutto quando si lavora con la corrente.
Detto questo vorrei esporvi i miei due (pregi) se così si possono chiamare.
Il primo è che fin da piccolo ho delle visioni premonitive, chiare ed esatte e per farvi un esempio abbastanza concreto vi racconto in due parole la più clamorosa: avevo 15 anni e mi trovavo a scuola nella classe con i miei compagni che mi prendevano i giro perché alla seconda ora la professoressa non era ancora arrivata e io dicevo che non sarebbe mai arrivata perché avevo avuto una visione prima di alzarmi dal letto. I miei compagni insistendo mi chiesero come mai, ed è là che ebbi la seconda “premunizione” ad occhi aperti e dissi: mancherà per problemi di vista… dieci minuti dopo arrivò il bidello ad avvisarci che la professoressa non sarebbe venuta perché aveva subito un operazione all’occhio destro.
Questa è una delle tantissime mie “premunizioni” alquanto esatte e precise.
Il secondo caso invece è veramente straordinario e di questo ne vado molto fiero, anche perché riesco ad aiutare parecchi miei amici/che.
Ho il dono, se così si può chiamare, di dirvi vita, morte e miracoli e se ha fatto o farà qualcosa di male e/o brutto una persona mai conosciuta semplicemente guardando una sua foto.
Il metodo non è come fanno i (finti maghi) che a seconda l’età, il luogo dove vive una persona ecc dicendo le cose più ovvie azzeccano più o meno il carattere di una persona ma, io senza sapere neanche l’età, cittadinanza e nulla, dico tutto esattamente come è una persona.
Alcuni miei amici/che mi portano le foto delle persone con cui vorrebbero stabilire una relazione e io gli dico esattamente come sono e non ho mai sbagliato…ripeto mai.
La cosa più assurda e brutta è che purtroppo so anche quando uno è colpevole o no quando mostrano le foto ai telegiornali che però non avendo nessuna prova scientifica il mio parere non ha nessuna importanza.

Ps: come premesso all’inizio, sono ateo, elettrotecnico e di buona cultura.. questo lo dico per non sembrare il solito megalomane o psicopatico che (crede) di avere i super poteri.

Vi ringrazio per la vostra attenzione. Distinti saluti,

Roberto

Non hai trovato quello che cercavi? Prova con Google!

Google