RAPPORTI TRA RELIGIONE E EXTRATERRESTRI

 
RELIGIONE ED EXTRATERRESTRI UFO E BIBBIA
 

Religione ed Extraterrestri: il grande inganno?
(di Giorgio Pastore)

“Settembre 2004. Quattro angeli avvistati sopra Wichita, Kansas. Il 28 settembre 2004 at ore 20:20, due amici, Luke M. e Jeff, giocavano a basket nel parcheggio fuori della chiesa metodista Trinity Wesleyan, a Wichita, Kansas, quando videro qualcosa di strano in cielo: una formazione di 4 angeli (o umanoidi alati, o uomini-falena) che attraversavano il cielo mezzo nuvoloso, come uccelli, a V, due a destra e due a sinistra in formazione perfetta, ad uguale distanza tra loro. Erano grandi come un jet, a sud, e percorrevano in traiettoria rettilinea. Erano esseri di luce, che battevano le loro enormi ali di farfalla, illuminati di luce da dentro, ma senz’aura. A detta dei testimoni, non erano aerei. Impossibile non ripensare ai leggendari Quattro Cavalieri dell’Apocalisse visti il 13 settembre 1917 a Cova da Iria, Portogallo dai bambini che parlarono con la Madonna di Fatima, Lucia Abobora dos Santos, Francisco Marto and Jacinta Marto.” 
[tratto da: http://www.ufoitalia.net/set2004m.htm

“Madonna piangente,Vaticano scettico. 
Nuovo dossier sul caso di Civitavecchia. 
Torna a far discutere il caso della Madonna di Civitavecchia, che ormai 10 anni fa fu vista lacrimare sangue da una bambina di cinque anni. Nonostante l'apertura di un nuovo dossier da parte della magistratura e il fatto che la diocesi di Civitavecchia ancor oggi parli apertamente di miracolo, il Vaticano continua a rimanere scettico. (…) Così resta il mistero. Un mistero iniziato il 2 febbraio del 1995, quando Jessica Gregori vide lacrime di sangue sulla statua di quella che per tutti diventò la Madonna di Pantano.” 
[tratto da: http://www.tgcom.it/cronaca/articoli/articolo239781.shtml

        Di recente sono stati resi pubblici i dossier inglesi relativi agli avvistamenti UFO da parte dell’aereonautica britannica. Leggendo i vari casi esposti, mi sono soffermato in special modo su uno che mi ha fatto riflettere per qualche attimo e mi ha indotto a scrivere questo articolo. Un pilota militare, in questo resoconto, descrive le manovre sopra il mare di un OVNI (Oggetto Volante Non Identificato) che, ad un certo punto, cambia forma, assumendo le sembianze di una figura umana fatta di luce. Dall’oggetto, partono due luci divenendo le braccia e, dal basso, altre due per divenire le gambe dell’inquietante figura umanoide. Le prime cose che mi sono venute in mente sono state alcuni passi della Bibbia in cui si parla di apparizioni ai profeti di figure dalla forma umana nel cielo, e le varie testimonianze più recenti di apparizioni mariane o angeliche. Ho pensato “e se queste persone non avessero visto altro che UFO o forme extraterrestri?” e “Se questi esseri avessero escogitato da sempre questo stratagemma per imporsi su di noi?”. In molti casi, la Bibbia ci parla di esseri provenienti dal cielo, di figure umanoidi, di forti luci, di forti rumori assordanti, di nubi di fumo e di colonne di fuoco etc. Dio, quando parla, ha sempre una voce tonante… e giunge sempre dal cielo. Ciò a cui mi riferisco non è per niente una novità. Da molti anni, in molti hanno proposto queste idee, alla base della clipeologia, cioè quella branca dell’ufologia che studia la possibile e probabile presenza di esseri extraterrestri e “dischi volanti” nel passato della Terra. Il termine deriva dalla parola latina usata per indicare il “clipeum”, ovvero lo scudo rotondo dei soldati romani, somigliante a quei misteriosi oggetti volanti, descritti nel Prodigiorum liber da uno storico romano che vide scendere sulla città di Roma dei “clipei ardentes”. Il nocciolo della questione è un altro. Se davvero questi esseri, da sempre, fan credere alla gente di essere delle divinità, c’è da preoccuparsi. Potrebbero giungere sulla Terra e far credere alla popolazione mondiale di trovarsi di fronte a Dio, nel giorno dell’Apocalisse, per poi prendersi il pianeta. Attualmente, il 33 % della popolazione è di religione cristiana. Il 19 % è musulmana; il 15 % atea e la restante percentuale interessa le altre religioni. Ciò significa che il 33 % dei terrestri, se dovesse davvero accadere un fatto del genere, crederebbe di essere di fronte a Dio. E, forse, anche i musulmani. E, forse anche tutti gli altri religiosi, credenti ognuno nel proprio dio. Ciò significa che, nel migliore dei casi, solo il 15 % della popolazione (gli atei) non cadrebbe nella trappola. Nel peggiore dei casi, assisteremmo, di fronte ad un fatto così eclatante e rivelatore, alla conversione di qualche ateo, riducendo ancor più la percentuale di persone “fuori dalla massa”. La mia paura è proprio questa; la religione è un bene sotto molti aspetti, ma è anche l’ “oppio dei popoli”, come diceva Freud. Non aveva tutti i torti. In molti casi, annebbia i nostri sensi e ci fa vedere quello che vorremmo vedere. La mia paura è che, se davvero dovesse accadere qualcosa del genere, in molti potrebbero venire ingannati ingenuamente dalle loro speranze, dai loro stessi sogni. Ingenuamente, perché questi esseri ingannerebbero l’umanità, mostrandosi come divinità, angeli, etc. Ovviamente, sarebbe da vedere lo stesso concetto di “divinità” per poter chiarire meglio il discorso. Per gli uomini del passato, la divinità poteva benissimo essere quell’ente superiore, creatore della vita. Se prendessimo in considerazione una razza extraterrestre, capace di viaggiare nel cosmo e di giungere sulla Terra, non potremmo che vederla superiore. Poi, se questa razza potesse anche creare la vita, manipolando i geni, il DNA, avremmo trovato le divinità di questi uomini del passato. Ovvio che oggi, invece, il concetto di divinità è mutato rispetto a secoli fa. La divinità è per noi un qualcosa di trascendente, di sfuggente, immateriale e, nello stesso tempo, un qualcosa di intelleggibile e, paradossalmente, materiale perché, sempre secondo l’uomo di oggi, Dio è tutto, ed è in ogni cosa. Almeno, così dovrebbe essere. Tuttavia, ci sono ancora molte persone che credono all’esistenza effettiva di un essere di forma umanoide che risiede fisicamente nell’alto dei cieli. Il Dio della Bibbia. Tale affermazione non sarebbe del tutto errata se prendessimo in considerazione l’ipotesi che proprio il Dio della Bibbia fosse stato un extraterrestre. Ma è questo ciò in cui credono i cristiani? Credo di no. La Chiesa ha contribuito a creare ancora maggior confusione, imponendo inutili dogmi e complicando questa religione che, un tempo, era molto più pura e semplice, molto più a contatto con la vita e con la natura. Conosco persone che vedono tutto ciò che gli sta attorno in chiave mistica, arrivando a toccare il fanatismo religioso. Queste persone saranno le prime a cadere nell’eventuale trappola di questi esseri intelligenti. Non si dovrebbe mai dimenticare che “il Libro dei libri” ci da solo dei simboli, al limite. Spetta a noi, ogni giorno, crearci il nostro Dio. Un Dio su misura. È sbagliato arrivare a soffrire e addolorarsi inseguendo queste illusioni. L’“oppio dei popoli” ci annebbia la vista e ci allontana dalla verità, dalla vera religione naturale, dall’amore per la vita, prescindendo da tutto quel formalismo proprio della Chiesa cristiana. Dio esiste e lo vediamo ogni giorno tra i petali di un fiore, nel Sole che sorge e tramonta, nell’aria che ci accarezza la pelle e ci sussurra nelle orecchie, nel battito del nostro cuore, nel sorriso di un bambino… Dio non è in Chiesa. Dio è ovunque. Non è nelle vesti fastose dei preti o nelle complicate formule di preghiera, ma nella semplicità dell’essere e nella spontaneità dei sentimenti che abbiamo dentro. Quindi, capirete che se Dio è un concetto, non lo potremo mai ritrovare nel mondo, se non in ciò che, da sempre, è già sotto i nostri occhi. Credo fortemente che dietro tutte le apparizioni mariane e di carattere mistico e religioso possano sussistere fenomeni di ben altra natura. Credo che molte volte si sia visto ciò che si voleva vedere. Credo che, in alcuni casi, dietro la maschera della Madonna, si siano potuto nascondere ben altre presenze. E, tutti i pezzi che sto andando componendo mi stanno mostrando una realtà che potrebbe sfuggire ai molti. Siamo in balia delle nostre credenze e qualcuno potrebbe approfittarsene. Anche se, penso che se avessero voluto farlo, l’avrebbero già fatto. Naturalmente questo discorso potrà suonare ai molti come fantascientifico, ma è sempre utile prendere in considerazioni ogni eventualità. Inoltre, c’è da sottolineare il fatto che tale discorso potrebbe riferirsi solamente ad una razza aliena, escludendo le altre (ammettendo che ve ne siano più d’una), oppure a nessuna, nel caso mi sbagliassi. Comunque, è sempre meglio, come dicevo prima, riflettere su questi discorsi. Credo che dovremmo iniziare a vedere le cose coi nostri occhi e non con gli occhi dei preti; non tutti. Ma molti di loro non fan altro che incutere nelle persone sempre più paure escatologiche, con l’unico fine di continuare a prosperare. Prosperano sulle paure della gente. Allora, quando arriveremo a vedere limpidamente la realtà che ci circonda, capiremo che la divinità è già in ognuno di noi e che tutto il resto può avere ben altra spiegazione. 

GIORGIO PASTORE

Ufo e Bibbia
(di Marco Lorenzo Bizzarri)


        Trovare dei testi in cui si narra di una visita di esseri di altri mondi avvenuta poco dopo l’arrivo dell’uomo sulla Terra è una grandissima impresa, ma grazie a una schiera di studiosi è stato possibile constatare che avvenimenti simili si possono trovare in oltre 350 passi del libro sacro.
In questo mio articolo, il primo che faccio, non voglio andare incontro alle varie religioni, ma riportare le possibili testimonianze di incontri con entità extraterrestri raccontati nella Bibbia.

Ufo e Bibbia, due parole che apparentemente non hanno nulla in comune. La prima, è una materia pronta a diventare scienza, l’altra è una parola che si può trovare solo in un contesto religioso, ma allora, perché ho deciso di dedicarci il mio primo articolo?

Perché nella Bibbia è possibile risalire a una serie di eventi che in qualche modo sono legati al mondo dell’ufologia. Lettera agli Ebrei (1, 2) "Dio in questi ultimi giorni ha parlato a noi per mezzo del Figlio, che ha costituito erede di tutte le cose, mediante il quale ha anche creato i mondi." Questa è solo una delle tantissime strofe che si possono trovare nella Bibbia e che, pur in modo assurdo, può essere interpretata in modo da pensare a un possibile legame con gli E.T.
Il S.Vangelo, insieme all’Antico Testamento, sono i principali libri in cui si può trovare qualche testimonianza di visitatori E.T., ma anche nel Nuovo Testamento, oltre che ai Vangeli, ci sono libri, come gli Atti Degli Apostoli, in cui è possibile trovare queste testimonianze, testimonianze di visitatori di altri mondi.
In questo quadro a destra sembra che sullo sfondo il pittore abbia raffigurato un disco volante, ma la cosa strana è l'ambiente religioso in cui l’ha dipinto.
Vangelo Secondo Giovanni (14, 2) "Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se così non fosse, ve l'avrei detto.Vado a prepararvi un posto". 
Vangelo Secondo Giovanni (14, 3) "E quando sarò andato, e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo a voi e prenderò con me, affinché siate anche voi dove sono io".

Vangelo Secondo Giovanni (8, 23) "Voi siete di quaggiù, io sono di lassù, voi siete di questo mondo, io non sono di questo mondo".
In queste strofe del Vangelo di Giovanni, specialmente nell’ultima, sembra che Gesù Cristo sia un individuo di un altro pianeta, ma i cattolici intendono la frase “io non sono di questo mondo" come per affermare che Gesù Cristo è un essere spirituale e quindi appartiene al regno dei cieli, essendo figlio di Dio, e il posto che va a preparare per i suoi discepoli è in Paradiso.
In questo dipinto a sinistra, il cerchio nel cielo che illumina il punto in cui è nato Gesù può essere inteso come un Ufo o semplicemente una luce che illumina la grandezza del neonato.

Geremia (4, 13) "Ecco, egli sale come nubi e come un turbine sono i suoi carri, i suoi cavalli sono più
veloci delle aquile".

Libro dei Re (II Re, 2, 11) "Mentre essi continuavano a camminare discorrendo, ecco un carro di fuoco e dei 
cavalli pure di fuoco che li separò l'uno dall'altro ed Elia salì al cielo in un turbine".

Sicuramente queste poche righe vi hanno lasciato sbalorditi; queste affermazioni sembrano proprio riconducibile alla descrizione di un Ufo!
Lettera agli Ebrei (13, 2) "Non trascurate di praticare l'ospitalità', giacché alcuni di voi, senza saperlo, hanno ospitato degli Angeli".
Forse molti non lo sanno, ma un satellite ha fotografato in una zona desertica una serie di cerchi neri. Varie volte durante la perlustrazione di questa zona si è avuta la possibilità di osservare dischi voltanti tra cui, anche un’astronave madre. Queste frasi tratte dalla Lettera agli Ebrei, possono essere riferite anche a noi del secondo millennio, se quegli avvistamenti confermano la presenza di esseri d’altri mondi sul nostro pianeta.
In molti dipinti, dietro a Gesù in croce si vedono degli strani ovali che sembrano…Ufo.

Ebraismo e Crop Circles.

         Abbiamo visto che tra gli Ufo e la Bibbia vi sono dei legami, ma non abbiamo trattato di una religione in particolare.
Alcune persone sostengono che i famosi cerchi nel grano siano messaggi inviati da esseri di altri mondi per evolverci moralmente e spiritualmente. Quest’idea sorge spontanea osservando questo Crop Circles a destra. 

La figura rappresenta un candelabro ebraico, in entrambi i casi.

Dopo questo confronto, l’ipotesi che i cerchi siano un modo per farci evolvere spiritualmente sembra prendere uno slancio anche se di misteri, ne restano ancora tanti.

Ipotesi

        Le ipotesi sugli alieni in questo campo sono assurde, ma non inverosimili. 
C’è chi sostiene che gli alieni siano una manifestazione spirituale. Richard Miller, “contattato”negli anni Cinquanta, riferì che, secondo le rivelazioni di un alieno di Alpha Centauri, gli Ufo sono angeli. Il fondatore dell’Aetherius Socety, Georg King (un tassista di Londra reclutato nel 1954 per salvare il mondo da una meteora intelligente), sosteneva che Gesù Cristo era un alieno venuto da Venere.

La scienza di strada ne ha ancora tanta da fare, una frase che può dare speranza è sicuramente quella di un filosofo inglese che disse: “D'altronde, in origine, non si pensava forse che la terra fosse piatta?”

Marco Lorenzo Bizzarri

Non hai trovato quello che cercavi? Trovalo su Google!

Google