LA MISTERIOSA 
TIGRE DEL VICENTINO

        25 giugno 2003. Nei campi di mais del vicentino è stata avvistato uno strano essere simile ad una tigre, anche se non si hanno prove certe che lo fosse. Un essere grande, dall’andatura felpata, di colore grigio/rossiccia e dalle orecchie stranamente allungate. Quest’ultimo particolare ci porterebbe più a credere che si tratti di una lince più che di una tigre, ma altri non ci credono e danno la colpa al caldo estenuante di questi giorni. Tuttavia, sono partite delle battute di caccia, ma dello strano essere nessuna traccia, come già capito l’anno scorso, sempre nello stesso periodo nei boschi di Imperia, quando anche allora, sempre in questi periodi, venne avvistata una pantera nera. Ma di questa, vennero trovate solo alcune unghiate sugli alberi, così come anche avvenne per l’altra pantera nera intravista nel Parco di Superga, vicino Torino qualche anno prima. In ogni caso, nessuna traccia dell’animale. Eppure un simile animale, una pantera nera, una tigre o anche una lince, non può passare inosservato, non può svanire nel nulla. E se non si trattasse di alcun animale, ma di qualcos’altro? In effetti, in questo periodo sono stati trovati alcuni cerchi nel grano nelle coltivazioni italiane. Sarà una coincidenza? E se questi che noi scambiamo per animali selvatici in realtà fossero esseri alieni provenienti da altri mondi? Certo, è davvero un’ipotesi fantascientifica, ma non è la prima volta che vengono avvistati esseri strani in posti dove non sarebbero dovuti trovarsi. Esseri, in certi casi, anche mostruosi, assurdi, anomali. Siamo in attesa di conoscere la verità.

Sopra: un documento relativo ad un caso simile,
ma che interessò la zona attorno Milano.

 Giorgio Pastore