Tag: cicap

SOPRANNATURALE, UFO

CROP CIRCLES ANOMALI

Alcuni crop circles non hanno niente a che fare con i classici pittogrammi geometrici che spesso compaiono in tutto il mondo, ma rappresentano comunque un mistero. Abbiamo crop circles nel grano non ancora maturo, apparentemente senza alcuna logica nel disegno, eppure, lo stesso interessanti, incomprensibili, misteriosi. Hanno chiamato in causa vento e pioggia, ma si tratta di fenomeni che interessano solo aree molto limitate. Come già evidenziato, agenti atmosferici come vento, piogge o grandine, tendono a piegare e a sdraiare a terra la pianta provocando il fenomeno chiamato in italiano “allettamento” (in inglese “lodging”). Con il termine “ginocchiatura” ci si riferisce invece alla capacità dello stelo di raddrizzarsi in corrispondenza di uno dei nodi in caso di “allettamento” (causa naturale) o appiattimento meccanico (ad esempio dovuto all’azione umana). Anche la natura riesce quindi a “scolpire” delle opere nel grano (sono in genere facilmente riconoscibili) causando potenzialmente dei danni al raccolto a causa del fatto che la spiga piegata non si riesce a mietere facilmente. In inglese è possibile trovare riferimenti a questo tipo di formazioni con la sigla NGF (“Non Geometric Formations”), oppure “Randomly Lodged Formations” o ancora “Randomly Downed Formations”. http://www.cicap.org/crops/ Giorgio Pattera – Biologo – Consulente scientifico del C.U.N. scrive: “Nel caso delle NGF (Non Geometric Formation) l’interpretazione fornita dagli esperti del CICAP è corretta. Anche la nostra personale esperienza ci ha condotto a formulare la stessa spiegazione, in occasione del rinvenimento d’una NGF in località Castelguelfo, alle porte di Parma, il 15 maggio dell’anno scorso (vedi foto allegata). Ulteriori informazioni possono essere reperite sul nostro sito (http://www.galileo.freehosting.net). In particolare ci sentiamo di affermare che quest’anno, con l’elternarsi di violenti acquazzoni e giornate particolarmente ventose, la meteorologia si è “divertita” a creare nelle coltivazione delle zone irregolari di “depressione”, prive di una qualsivoglia espressione geometrica. Ciò deriva dal fatto che il peso della pioggia tende ad inclinare lo stelo in posizione geotropa (orizzontalmente, verso il suolo); in seguito le folate di vento “pettinano” queste zone, imprimendo loro una disposizione sparsa, a “ventaglio”, del tutto asimmetrica. Da noi interrogato sul fenomeno, un agronomo dell’Università Cattolica di Piacenza (facoltà di Agraria) ha spiegato come, in certi casi, un’eccessiva concentrazione di Azoto nel terreno (derivante da un massivo spandimento di fertilizzanti, superiore al rapporto di equilibrio fra % di composti azotati ed estensione dell’appezzamento) possa condurre ad un incremento della duttilità dei nodi d’accrescimento degli steli, favorendo in tal modo la loro flessione sotto l’influenza di agenti atmosferici. Tale piegatura, tuttavia, è transitoria e di breve durata, in quanto la piantina, seguendo la legge dell’ortotropismo (tendenza alla posizione eretta), ben presto riacquista la corretta postura verticale, antecedente l’evento contrastante”. Quindi, sembra che il mistero di questi strani pittogrammi sia risolto. Ne abbiamo parlato proprio per fare capire a voi tutti la natura del fenomeno, così da non cadere più in errore. Giorgio Pastore *** *** *** *** *** *** CROP CIRCLES “FUORI LUOGO” Inoltre, chi ha detto che i crop circles compaiono solamente nel grano? Non è così. Possiamo trovarne in altre colture, come nel mais, nell’avena, nell’orzo, etc. ed anche realizzati fuori da queste, ad esempio, sull’asfalto, nel ghiaccio, nella neve… Qui di seguito, riportiamo solo alcuni pochi esempi emblematici. Federico Gueli, nostro collaboratore ha scattato questa foto. Si tratta di una misteriosa impronta lasciata… sull’asfalto! Qui sotto, una serie di cerchi comparsi su una lastra di ghiaccio a St. Catharines, Ontario, in Canada nei primi giorni del mese di Gennaio del 2005. Si dice che siano comparsi dopo una grande nevicata. Sotto, un altro crop circle nel ghiaccio, Delta, Ontario, sempre in Canada; comparso il 2 dicembre del 2000. Ha un diametro di 4,6 metri. I “fairy circles” (letteralmente “cerchi delle fate”) sono degli spazi circolari isolati dal paesaggio circostante. Qui sotto, un esempio proveniente dall’Africa. Giorgio Pastore