NIKOLA TESLA

"Quest'anno ho dedicato molto tempo al perfezionamento di un apparecchio molto piccolo e compatto, che riesce a inviare una quantità di energia considerevole nello spazio interstellare a qualsiasi distanza, senza la minima dispersione." [ Nikola Tesla ]

Tesla tuttavia non ottenne alcun premio, né illustrò mai il suo lavoro.
Lo strumento di cui parlava Tesla era un prototipo di laser e di un ordigno al plasma che produceva particelle ad alta energia nella ionosfera. Nel 1940, a 84 anni, rilasciò un'intervista al New York Times in cui annunciò che presto avrebbe consegnato al governo degli Stati Uniti il segreto della sua "teleforza", in grado di liquefare il motore di un aereo a 250 miglia di distanza e che permetterebbe di costruire una sorta di muraglia cinese invisibile intorno alla nazione. Il 5 gennaio, Tesla telefonò al Dipartimento della guerra al quale offrì i segreti della sua arma, ma per il colonnello Erskine, era un perfetto sconosciuto e venne creduto un folle. Il colonnello promise di richiamarlo, ma non lo fece mai. Solo tre giorni dopo, l'8 gennaio, Tesla venne trovato morto in una camera d'albergo, solo e povero. Il Governo americano decretò l'opera dell'inventore "Top secret". L'FBI cancellò deliberatamente ogni traccia ed informazione sul suo conto. Solo nel 1993 la scienza riconobbe la validità dell'invenzione di Tesla. [ Robert Lomas ]

         Nikola Tesla (1856 - 1943) fu per molti aspetti un rivoluzionario. La sua fu una rivoluzione scientifica, ma nella maggior parte dei casi, non gli fu attribuito alcun merito. Infatti, molte scoperte importanti, che siamo abituati ad attribuire a grandi nomi come Thomas Edison, Guglielmo Marconi e George Westinghouse, sarebbero invece da attribuire proprio a Tesla. Ebbe anche un diverbio con Einstein riguardo la teoria della gravità.
A lui dovrebbero essere attribuite scoperte come la luce elettrica, la radio, l'utilizzo dell'energia idroelettrica, ma non solo. Anche l'illuminazione a fluorescenza, la sismologia, il motore rotante, il tachimetro, il contagiri meccanico, l'energia elettrica a corrente alternata, la turbina senza pale, la diffusione di dati via etere su scala mondiale. Per non parlare poi delle invenzioni mai realizzate (così sembra, ma non è detto...) rimaste soltanto sulla carta. Nikola Tesla era uno scienziato serbo-americano perseguitato costantemente dalla sfortuna e sfruttato da tutti coloro i quali volevano rubargli il merito di certe invenzioni usandolo per il raggiungimento dei loro scopi.
Di lui si approfittarono Edison, Westinghouse, Marconi, ma non solo. Probabilmente, lavorò in gran segreto anche per il governo americano. Come si spiega altrimenti il fatto che, alla sua morte, l'FBI cancellò deliberatamente ogni traccia e informazione sul suo conto? Una sua grande invenzione fu quella della trasmissione a distanza, oltre che di dati, dell'energia stessa. 

Sopra: Nikola Tesla (1856 - 1943) 
all'età di trentacinque anni.

         Tutte le grandi invenzioni di Tesla si basano sullo studio delle onde: egli credeva infatti che il suono, la luce, il calore, i raggi X e le onde radio fossero tutti fenomeni legati tra loro e che quindi rispondessero alla stessa legge matematica. Lo stesso Tesla scrive: "La trasmissione elettrica dell'energia è il processo più economico che conosciamo, ed esso dovrà perciò necessariamente giocare un ruolo importante nel futuro, a prescindere dal modo in cui l'energia primaria venga ottenuta dal Sole." Tesla era rimasto colpito dal sole del Colorado, era convinto che la luce dell'astro giovasse alla salute, producendo un particolare effetto "germicida" (i germi erano una preoccupazione costante per Tesla, era così ossessionato che si lavava le mani anche due o tre volte durante il pasto!). Grazie ad alcuni esperimenti in Colorado condotti sull'energia dei fulmini, Tesla arrivò ad importanti conclusioni. Si rese conto che la Terra e l'atmosfera erano cariche elettricamente; il temporale eseguiva un modello in funzione della carica stabile della Terra stessa. Si trattava di una scoperta di estrema importanza: significava che la trasmissione di energia senza fili non era semplicemente possibile, ma persino pratica. Tesla mise a punto la sua invenzione.
Sopra: Nikola Tesla nella gabbia da lui costruita 
per produrre fulmini artificiali.

Collaudò diverse unità radioriceventi (in fatto di onde radio, Tesla era molto più avanti dei suoi rivali) in alcuni punti di Colorado Springs, collocandole in posizioni sempre più distanti tra loro. Il maggiore raggio d'azione raggiunto fu di 42 km, con 10.000 watt di potenza ottenuti dalle stazioni riceventi. Duecento lampadine, collegate agli apparecchi riceventi offrivano uno spettacolo stupefacente: era la prova determinante del funzionamento del suo impianto senza fili. Il primo brevetto dell'invenzione fu consegnato a Tesla il 20 marzo 1900. Nel 1902, possedeva tutti i brevetti relativi alla trasmissione senza fili della corrente elettrica. Com'è possibile quindi che un uomo così versatile, le cui invenzioni hanno reso possibile la nostra civiltà moderna, sia stato dimenticato?

        Di recente, Robert Lomas, ingegnere e insegnante alla Bradford University, riuscì a recuperare molti scritti di Tesla, testimonianze dell'epoca e documenti che l'FBI rese pubblici solo successivamente. Questo materiale gli fu utile per realizzare il suo libro "L'uomo che ha inventato il XX secolo, Nikola Tesla, genio dimenticato della scienza. Di fatti così è, Tesla fu un genio dimenticato. Non riuscì ad ottenere i meriti della sua opera, non venne ricordato sui libri di scienza e molte persone gli "rubarono" ciò per cui aveva sacrificato anni ed anni di studi e di ricerche. Morì solo e povero in una stanza di albergo! Il suo corpo fu trovato solo due giorni dopo la sua morte! Eppure, il mondo moderno, che l'ha dimenticato, dovrebbe ringraziare infinitamente quel pover'uomo! Robert Lomas, a conclusione del suo libro scrive: "In questo momento sono circondato dalle testimonianze dell'opera di quest'uomo: il mio computer alimentato elettricamente sulla scrivania, la luce elettrica fluorescente, il riscaldamento prodotto dall'acqua di un motore a induzione a corrente alternata, ascoltando la musica trasmessa dalla mia radio; mentre il mio scanner ed il mio modem sul tavolo sono pronti ad inviare e a ricevere fotografie e messaggi ovunque nel mondo, sto usando l'eredità di Tesla."

Giorgio Pastore

BIBLIOGRAFIA:
"L'UOMO CHE HA INVENTATO IL XX SECOLO", Nikola Tesla, genio dimenticato della scienza
di Robert Lomas ( Newton & Compton Editori ), 2000.