DOLMEN E MENHIR DELLA PUGLIA

In Puglia ci sono in tutto 102 dolmen e menhir. 
Molti sono stati distrutti dall’ignoranza dei contadini. 
Le moderne teorie ritengono che la funzione dei megaliti non fosse né di "ornamento" né di "abbellimento".
Le costruzioni pugliesi potrebbero essere opera dei discendenti del popolo di Atlantide...

[tratto in parte dalla "Gazzetta del Mezzogiorno" del 15 luglio 2001]

Enigmi chiusi nella pietra.
Dolmen e menhir: monumenti dal significato ignoto.
(di Manlio Triggiani)

        Altari, tombe, luoghi di cerimonie magiche, epicentri magico-tellurici o soltanto simboli che propiziavano la fecondità? Cosa sono, o sono stati, i dolmen e i menhir presenti in Europa, con una forte concentrazione in Puglia? Gli studiosi si sono a lungo interrogati in merito. Di certo, non si trattava di un "ornamento" o di un "abbellimento".

In Puglia ne sono disseminati 102 (79 menhir e 23 dolmen). Cosa sono, quindi, queste pietrefitte (menhir, dal bretone men = pietra e hir = lunga), e chi le eresse? Queste pietre sono alte da 80 centimetri a svariati metri (in Puglia i megaliti più alti raggiungono i cinque metri circa). Conficcati nel terreno, seguirebbero un certo ordine prestabilito. Le teorie più accreditate fanno parlare di osservatori astronomici che avrebbero avuto lo scopo di fungere da aste delle meridiane, necessarie per registrare movimenti, tempi e fasi astrali e verificare cicli propizi per le varie iniziative degli uomini. Per i dolmen, che forse furono realizzati in epoca successiva, si ritiene che ebbero due possibili funzioni: o di uso funerario o di altare sacrificale. Secondo un’altra teoria, i dolmen e i menhir avevano una funzione propiziatoria della fertilità. Del resto, non è da escludere che gli stessi monumenti megalitici, in tempi differenti, abbiano assolto le varie funzioni.

Le pietre seguivano un orientamento tale che gli spostamenti del Sole potessero essere seguiti passo passo, come se l’energia solare dovesse essere captata e catalizzata. Ma anche per scandire il tempo, per segnare i solstizi e gli equinozi.

I megaliti, quindi, erano come grandi monumenti sacri per le antiche popolazioni europee? Se i menhir sono pietre fitte, i dolmen sono vere e proprie camere realizzate con pietre verticali, piantate nel terreno, coperte da un lastrone di pietra. Ci sono anche gallerie coperte, e i cromlech (pietre esposte circolarmente) che rappresentano veri e propri allineamenti (in merito vedi l’interessante opera di Castleden, Stonehenge, edizioni Ecig, Genova, ma anche di Centini, Guida ai luoghi insoliti, misteriosi e magici d’Europa, Newton Compton, Roma). In Puglia, come anche in altre parti d’Europa, i dolmen e i menhir hanno subito una forzata "cristianizzazione" e, all’inizio del Novecento, metà dei menhir sono stati distrutti dall’incuria o dai contadini che li hanno utilizzati per le finalità più varie. Altri, semplicemente, sono stati spostati dalla loro sede originaria. Ma menhir e dolmen interessanti ce ne sono ancora, come ha ben spiegato Paolo Malagrinò nel suo volume "Dolmen e menhir di Puglia" (edito da Schena, Fasano). I1 dolmen di Giurdignano (nella foto, ndr), in provincia di Lecce, ha una scanalatura lungo il bordo del lastrone superiore che finisce in una specie di conca per la raccolta. Questo ha accreditato la teoria dei dolmen come luogo sacrificale dove era fatto scolare il sangue della vittima. Ma anche il dolmen di Bisceglie, è un esempio notevole, particolarmente bello, forse il migliore.
         Ma chi eresse questi megaliti? Certamente, le antiche popolazioni, ma secondo alcuni studiosi la derivazione potrebbe essere stata celtica, o egizia (dati i precedenti delle piramidi). In ogni caso, pare invece che i popoli europei avessero conoscenze matematiche molte avanzate e per questo erano in grado di erigere questi grandi monumenti. Ma, secondo alcune leggende riportate anche da storici baresi come Sada, in Puglia potrebbero essere arrivati, nella notte dei tempi, discendenti del popolo di Atlantide (i Tuatha dé Danann; vedi: "Il mistero del Graal", di Julius Evola, edizioni Mediterranee, che erano emigrati in Europa e si erano fusi con i Celti.

Altre leggende pugliesi fanno riferimento esplicito ai cicli cavallereschi della materia di Bretagna. Alcuni dolmen in provincia di Taranto, a Bisceglie e a Cisternino sono da secoli dedicati ai paladini della Tavola rotonda. Nell’archivolto dei leoni, nella Basilica di San Nicola, a Bari, ci sono sculture di cavalieri che richiamano la materia di Bretagna. Nella cattedrale di Oria è raffigurato re Artù. 
Insomma i misteri sono scolpiti anche nelle pietre.

MANLIO TRIGGIANI

Fonte: http://freeweb.supereva.com/ilsitodelmistero/menhir.htm?p

FOTOGALLERY
(foto di Giorgio Pastore)
dolmenpuglia01.jpg (96781 byte) dolmenpuglia02.jpg (41806 byte) dolmenpuglia03.jpg (89349 byte) dolmenpuglia05.jpg (49486 byte)
Sopra: il dolmen di Giurdignano (Le). Un tempo ce n'erano ben sette. Ora, ne rimane solo uno.
La parola deriva etimologicamente dal bretone e significa: "tavola di pietra". Sembra che su di esso vi si compissero sacrifici.
menhirpuglia01.jpg (16312 byte) menhirpuglia02.jpg (55687 byte)
Sopra: alcuni dei numerosi menhir che è possibile vedere girando per le strade di Giurdignano (Le).