LE IMPRONTE DI FUOCO

          Ai lati, due esempi delle cosiddette impronte di fuoco, cioè, impronte attribuite a Satana in persona. Il maligno le avrebbe lasciate su questi libri sacri durante degli esorcismi, o comunque, delle colluttazioni con uomini di fede. Infatti, è risaputo che il Diavolo trovi come ostacolo il libro sacro; egli non può sopportarne il contatto fisico. Tale contatto però, lascia delle impronte malefiche sui relativi libri, impronte caratteristiche e impressionanti che sembrerebbe siano state lasciate da una mano ardente; per questo, vengono chiamate "impronte di fuoco".

VAI ALL'ARTICOLO SUL
MUSEO DELLE ANIME DEL PURGATORIO DI ROMA

Giorgio Pastore