GLI INSETTI 
PADRONI DELLA TERRA

Questi disegni 
rappresentano chiaramente 
due insetti giganti...
Sono ritratti sulla Pedra Escrita, monumento preistorico 
di Fuencalieste, Spagna...
...Si tratta forse 
di una preziosa testimonianza
inerente un'antica civiltà 
formata da insetti 
che in tempi remoti 
dominò sul mondo?

        Dall’omonimo libro dell’etologo Karl von Frisch riflettiamo su un misterioso tema: gli animali. Il mistero che circonda questi esseri viventi senza l’uso della parola e più fitto che mai. Il mondo degli animali costituisce un solido rompicapo per i studiosi del mistero. Infatti, in base a che cosa stabiliscono i loro rapporti sociali? Come vedono l’uomo? Hanno qualche percezione circa lo spazio che li circonda? Cosa succede quando guardano un tramonto, quando vivono una battaglia, quando sono a caccia?
In futuro, dedicheremo naturalmente una più ampia sezione al mondo degli animali nella sua globalità. In questa sede riflettiamo su esseri viventi particolari: gli insetti. 

        Spesso ritenuti fastidiosi, ma allo stesso di straordinarie capacità organizzative, gli insetti sono entrati dal qualche anno a far parte del mondo del mistero. Infatti, sono numerosi i casi di persone che affermano di essere stati rapiti da esseri molto simili agli insetti; a cavallette o mosche di statura considerevole, non prive della parola e di una certa dose d'intelligenza. 
Nel corso delle numerose analisi di Esobiologia si è andati incontro a numerose descrizione di esseri extraterrestri, descrizioni che a volte suonavano molto da film di fantascienza, ma che, alla luce dei fatti odierni, non ci sorprendono più di tanto. 
Se nella realtà siamo abituati a governare sul mondo animale, in questi casi la situazione s'inverte, e da predatori diveniamo prede. Nei casi di abuctions di questo tipo, l'uomo si trova ad essere un oggetto di studio nelle mani degli insetti.
Non manca all’appello anche chi vuole trasportare i suddetti esseri in epoche ancestrali, facendoli padroni di una sconosciuta civiltà, estintasi, come di consuetudine, a seguito di cataclismi o cambiamenti ambientali. 
Eccoci quindi di fronte a due casi misteriosi circa gli insetti (sfortunatamente gli scienziati sono arrivati a classificarne soltanto due, ci aspettiamo in futuro di poterne sapere di più):
1) Testimonianze raccolte, inerenti abductions effettuate da esseri, come già detto, dall’aspetto di cavallette o di mosche;
2) Attraverso l’analisi dei miti, alcuni scienziati pensano che tali esseri abbiamo potuto dominare la Terra in tempi remoti. Come di consuetudine, analizziamo ogni singolo caso valutando i pro ed i contro, e tutto ciò che c’è dietro questi due casi, dopo averli esaminati in generale.

RAPITO DA INSETTI GIGANTI

        A seguito di numerosi rapimenti da parte di alieni insettoidi, si è stabilita una classificazione di questi esseri e, naturalmente, di quanto ci hanno saputo dire i rapiti; qualcosa sulla loro psiche, sul loro modo di essere e, probabile, sulla loro origine. 
Spesso, si tratta di esseri dall’altezza considerevole: Poco più di 2 metri. 
Presentano pelle dura, senza peli, occhi grandi come quelli degli insetti, antenne, poche dita e indossano una tuta d’argento. La cosa incredibile è che non sono per nulla diversi dagli insetti che oggi conosciamo.
Per quando riguardo la loro psiche, abbiamo dei dati molto più interessanti:
1) Contrariamente a loro aspetto esteriore, sembrano essere interessati alla psicologia umana;
infatti, i rapiti affermano che, dopo lo spavento iniziale, hanno avuto piacevoli conversazioni con questi esseri;
2) Secondo il professore di fisica dell’università di Pisa, Corrado Malanga, questi esseri si nutrirebbero delle sensazioni umane (gioia, paura, tristezza, ansia, disperazione), probabilmente, questa è la causa per cui sono interessati alla psiche umane!
C’è dell’altro; sempre secondo Malanga, questi esseri avrebbero escogitato un ingegnoso trucco per sfamarsi: organizzerebbero le famose apparizioni mariane (oltre che alcune guerre, epidemie, battaglie), nutrendosi dell’estasi delle persone nel momento in cui colloquiano con la Madonna o delle loro forti emozioni negli altri casi. Secondo altre teorie, dietro le apparizioni della Vergine ci sarebbero altri esseri alieni, classificati come "Nordici" (alti e biondi), più volte ritenuti di avere qualche collegamento con la religione Cristiana. Non sappiamo su quali basi il Prof. Malanga affermi quanto dice, tuttavia, l’ipotesi è suggestiva e non deve essere scartata. 
Arriviamo così all’ultimo punto, ovvero, all’origine di questi esseri. Si sono formulate più ipotesi:

1) C’è chi ritiene che siano normali esseri di altri mondi che potrebbero aver seguito una sviluppo biologico analogo a quello umano; potremmo allora immaginare un mondo popolato da un tipo di fauna che, nell'arco di milioni d'anni, si evolve, cresce, migliora;
fin quando, raggiunta una notevole tecnologia, decide di mettersi a vagare per l’Universo.

2) Alcuni ritengono che siano di questo pianeta. In tal caso, si sarebbero evoluti in un lontano passato ed ora dimorerebbero all'interno del globo terrestre, in cavità artificiali e non. Le prove paleoclimatiche ci dicono che in passato raggi cosmici avrebbero potuto colpire la Terra e ingigantire tutto.

3) Oppure, razze extraterrestri arrivarono per caso sul nostro pianeta e decisero di far evolvere alcune forme di vita indigene terrestri, come le scimmie. Anche gli insetti, quindi, vennero modificati geneticamente e dotati di un intelletto maggiore.

4) Furono portati sulla Terra da razze extraterrestri sconosciute e poi modificati geneticamente.

Queste sono belle ipotesi e, come si può notare, la fantasia trova largo spazio; tuttavia, anche se assurde devono essere comunque prese in esame, perché tutto è possibile.

L’IMPERO DEGLI INSETTI

        Quindi, consideriamo l'ipotesi che in passato possa essere vissuta sulla Terra una civiltà di insetti. Spesso accade, ancora oggi, di trovare nuove specie di vita, le quali erano rimaste a lungo nascoste agli occhi degli scienziati. Del resto, anche i dinosauri costituivano una specie di civiltà, una civiltà che naturalmente non costruì templi, né scrisse poesie, né fece guerre, né dipinti, ma una civiltà costituita da un insieme di esseri che cacciavano e si nutrivano! 
Immaginiamo ora un ancestrale passato in cui l’intero pianeta Terra era popolato da milioni e milioni di insetti che, come i dinosauri, vivevano, si cibavano e costituivano una specie di gruppo o società.
Ora, volendo tornare alla questione dei raggi cosmici, colpendo la terra avrebbero ingigantito un po’ tutto. Alcuni studiosi sono propensi acredere che tale sorta sia toccata anche agli uomini, divenuti, a seguito dell’esposizione ai raggi cosmici, giganti di immani capacità che avrebbero dominato il mondo. I tanti giganti che spopolano nel folklore di tutto il mondo, i giganti (figli di dio) che giacquero con le figlie dell’uomo generando uomini famosi, i giganti cattivi e buoni, quelli di Atlantide e di Mu, e così via... potrebbero essere stati il risultato di questi raggi cosmici!
Tornando ai nostri insetti, questi ultimi, una volta presa coscienza di sé, del loro cervello e delle loro capacità tecnologiche, avrebbero deciso di vivere nel sottosuolo, secondo quel che la natura suggeriva loro.

Peter Kolosimo, parlando dei fanciulli divini di area mediterranea, riporta la tesi di una certa Minguzzi che avrebbe visto nelle Ninfe una sorta di insetti, di api, riallacciandosi al fatto che queste erano sacre presso gli antichi. 
Denis Saurat afferma che "...gli insetti hanno inventato la vergine-madre. Quello che abbiamo scoperto, quello che la civiltà del Terziario ha potuto scoprire, preoccupata dagli insetti e delle loro riproduzioni, è che la partenogenesi esiste veramente e frequente presso molti insetti. Le formiche e le termiti custodiscono gelose, nei loro sotterranei, i loro più reconditi segreti. Le api, allevate e conosciute dall’uomo, furono probabilmente studiate dai nostri antenati. In questi animali è più facilmente ravvisabile la partenogenesi. Il primo eco di una religione che aveva insegnato agli uomini come certi insetti possono essere riprodotti è trasmessa dai miti di tutto il mondo, in particolare quelli Ellenici..."

        Prima di proseguire con altre interessanti affermazioni fermiamoci a riflettere. Da quanto è stato scritto, sappiamo che gli insetti hanno avuto un ruolo importante nella storia. Ma è possibile che esseri insettiformi abbiano potuto costituire una civiltà intelligente?
Ed è possibile che questa stessa civiltà, in seguito,  abbia dato vita allo stesso uomo. Ricordiamo le leggende inerenti la Dea-madre e le statuette sumere, rettiliformi, dell'antica Mesopotamia. 
Questi esseri molto evoluti avrebbero prodotto, fin dai tempi antichi, illusioni capaci di incantare l'uomo. Infatti, è possibile che gli dèi greci, così come le apparizioni mariane odierne, siano state opera loro, col solo scopo di comandarci, soggiogarci, nutrirsi delle nostre emozioni.
Proseguendo con Saurat: "Troviamo il tema dell’ape tra gli Egizi: il maschio fatto a pezzi e la fecondazione della sposa dopo la morte del maschio stesso. Le doti dell’ape sopravvivono e sono usate nella stregoneria celtica Gallese."
Kolosimo invece afferma che: "...la casa è l’alveare, l’anima umana richiamata dalla regina è l’ape."
Scrivendo ciò, non vi sono più dubbi che gli insetti hanno avuto un qualche ruolo importante nella storia dell’umanità.
Infatti, sembra proprio di essere di fronte a esseri veramente consapevoli. Anche la pittura rupestre sembra farcelo credere!
Tuttavia, la cosa importante è stabilire quale ruolo hanno avuto? Che cosa di preciso hanno fatto nel mondo? Che rapporto hanno avuto con l’uomo? Che cosa gli hanno dato? Perché, se vi fosse effettivamente conferma di queste manipolazioni genetiche, le praticarono? Se si tratta di una razza così antica, come mai si aggirano ancora nell’Universo? Siamo sicuri, a questo, di non trovarci di fronte a una fantasia? Infatti, ben prima di chiederci questo o quello sul mondo degli insetti, dovremmo chiederci se tali esseri esistono, dove si trovano, quale è la loro precisa natura, quale è il loro pensiero, i loro scopi e così via! 

Solo con approfondite ricerche potremmo dare delle risposte a queste domande forse un po’ inconsuete, ma che, alla luce di certi fatti e di certe supposizioni, hanno tutto il diritto di essere poste!

PASQUALE ARCIUOLO

Bibliografia:

Peter Kolosimo, "Italia mistero cosmico", Sugarco Edizioni
Peter Kolosimo "Terra Senza Tempo", Mursia
www.Menphis75.com