MISTERI DELL'EMILIA ROMAGNA

 

 
FANTASMI DELL'EMILIA ROMAGNA LA PORTA DI RE ARTÙ (MO)

IL FANTASMA DI AZZURRINA (RN)

IL FANTASMA DEL CASTELLO DI GROPPARELLO (PC)
LA LEGGENDA DEL LAGO DI VARSI (PR) I MISTERI DI CASTELL'ARQUATO
   

Non hai trovato quello che cercavi? Prova con Google!

Google
 

FANTASMI DELL'EMILIA ROMAGNA

        Anche l'Emilia Romagna ha le sue storie di fantasmi. Iniziamo da Piacenza. I castelli di Gropparello (fondato nell'VIII secolo) e Rivalta (XI secolo) sono infestati da fantasmi, che già da molti anni compaiono improvvisamente nelle notti più tenebrose. 

VAI ALL'ARTICOLO:
LA CASTELLANA FANTASMA DI PIACENZA

 

 

IL FANTASMA DI AZZURRINA    

          Vicino Rimini sorge il castello di Montebello, scavato dentro la roccia. Si racconta che in esso visse e morì Azzurrina, ovvero Guendalina Malatesta, figlia di Ugolinuccio, signore di Montebello nel 1375. Era chiamata Azzurrina, perché albina, nata quindi chiara di pelle, di capelli e di occhi. Ciò contribuiva al suo isolamento. Un giorno, durante il solstizio d’estate, scoppia un temporale e Azzurrina gioca all’interno del maniero. Ma scende nelle segrete del castello inseguendo la palla appena gettatavi e di lei non si seppe più niente. La misteriosa scomparsa di Guendalina Malatesta è narrata in una cronaca del '600, custodita nella biblioteca del castello. Da allora il suo spirito continua ad abitare le stanze del Castello e viene visto sporadicamente dai turisti che lo visitano.  È una storia triste, ma Azzurrina, durante una seduta spiritica, ha detto comunque di essere felice e di voler continuare a vivere tra le mura del suo amato Castello di Montebello.  

Giorgio Pastore

VAI ALL'ARTICOLO "I MISTERI DEL CASTELLO DI MONTEBELLO"

 

LA PORTA DI RE ARTÙ

        Su una delle  porte del Duomo di Modena (inizio XI secolo) vi è una curiosa decorazione in cui sono raffigurate alcune imprese della saga dei cavalieri di re Artù. Inoltre è riportato il suo nome, quello di Ginevra e di Carados, un cavaliere suo nemico. Il fatto strano è che tali rilievi risalgono al 1120/1130, cioè ad almeno cent'anni prima la diffusione del romanzo in Europa. Sono rilievi anacronistici. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che già nell'alto medioevo abbiamo tracce di re Artù. Se le sue vicende furono date alle scritture solo nel XIII secolo, questo non significa che già da secoli non venissero tramandate oralmente, ma noi non potremo mai saperlo. Il mistero rimane.

Giorgio Pastore

I FANTASMI DEL CASTELLO DI GROPPARELLO

- Luogo: CASTELLO
- Località: GROPPARELLO (Piacenza)

Breve Storia:
Nel 1200, fu teatro di un tragico evento. Pietrone da Cagnano fece murare viva in una cella sotterranea la moglie Rossania Fulgosio, perché riteneva avesse un amante (Lancillotto Anguissola).

- Fenomeno di interesse:
Testimoni come turisti e gente del luogo affermano che nelle notti di vento si possono ascoltare delle grida femminili provenire dalla torre
del castello. Queste urla a detta di chi le ha "vissute" sono strazianti e infondono un senso di paura-angoscia ma anche pena. Altri affermano di aver avuto un contatto "diretto" con una figura femminile che si aggira per il maniero, triste e sconsolata che si sofferma specialmente nella sala d'armi. In ogni caso c'è chi è pronto a giurare che in generale tutto il castello sia interessato da fenomeni "strani".

- Esperienza Personale:
Purtroppo ho avuto modo soltanto di vedere il castello dall'esterno essendo di passaggio e di parlare con il titolare di un tabaccaio del luogo che mi ha confermato le "voci" riguardo il maniero.

- Per chi volesse avere maggiori info riguardo la storia di questo castello:

Castello di Gropparello:
Informazioni: Ass. Castelli del Ducato di Parma e Piacenza
Tel. 0521 829055
sito web: http://www.castellodigropparello.it/
come raggiungerlo:
http://www.castellodigropparello.it/info/come_raggiungerci.htm

                                                                                                                                                                                Angelo "Wes" M.

- FOTO tratte da "L'Italia dei Fantasmi" ( http://digilander.libero.it/Fantasmi ) -

castellarquato