CROP CIRCLES ITALIANI

 2006
MAZZO DI RHO (MI)
2005
CERCHI MARCHIGIANI 2005
OFFIDA (AP), 02 07 '05
MONTEGRANARO (AP), 18 06 '05
DAIRAGO (Mi), 20 06 '05
MACELLO (TO), 21 05 '05  
VIGONOVO (VE), 10 05 '05  
LISSONE (MI), 05 05 '05 
2004
DESIO (MI), 04 07 '04
CROP CIRCLE DI SABAUDIA (LT), 2004
  CROP CIRCLE DI MAZZO DI RHO (MI), 2004
2003
CROP CIRCLES MARCHIGIANI
CROP CIRCLE DI CARIMATE (CO)
 

MACELLO (TO)

Realizzato da ignoti (ufo o burloni?) nella notte di sabato 21
Misterioso cerchio di grano a Macello
Il campo, in regione Povertà, è a 150 metri dalla strada, vicino all'alta tensione.

MACELLO - Un grande cerchio, perfetto, dal diametro di 20 metri esatti, è spuntato all'improvviso nel bel mezzo di un campo di grano, nella campagna macellese.
Finalmente, dirà qualcuno, si sono fatti vivi anche nel Pinerolese. I misteriosi "cerchi nel grano" sono un classico dell'ufologia. Cronache da mezzo mondo, in particolare Stati Uniti e Gran Bretagna, più volte, hanno riferito, documentato e ironizzato su questo fenomeno. Quello comparso nella notte tra sabato 21 e domenica 22, al centro di un campo di grano, a pochi metri di distanza da una linea elettrica di alta tensione, di proprietà di Michele Salvai, in regione Povertà a Macello, è altrettanto misterioso e difficile da spiegare.

«Sicuramente sabato pomeriggio il grano era intatto, domenica mattina, per puro caso, mentre stavo allargando il fieno nel prato confinante, ho notato questo grosso cerchio, formato dal grano schiacciato, in senso rotatorio - spiega il proprietario -. Né noi, né i vicini di casa, sabato notte, abbiamo visto o notato movimenti strani o sentito rumori particolari».
Si è fatto un'idea di cosa possa aver creato quel cerchio? «Assolutamente no, nella notte, non c'è stato temporale, non c'era neanche vento, il grano, tolto il cerchio, è perfetto, nessun segno di passaggio a piedi o con mezzi». Michele Salvai, non si avventura oltre. Il mistero del cerchio però rimane.
Che sia frutto di un faticoso scherzo di qualche buontempone del sabato sera, suggestionato magari dagli effetti speciali del film televisivo, trasmesso in settimana, proprio sul tema dei "cerchi nel grano"? «Resta da spiegare come siano riusciti a non lasciare tracce tutto intorno e poi, perché scegliere un campo di grano così fuori mano, visto che è lontano almeno 150 metri dalla strada più vicina (la provinciale Buriasco-Vigone) ed è raggiungibile solo da una stradina di campagna, erbosa, conosciuta appena dai confinanti».
Se Salvai non fosse andato a lavorare nel campo adiacente, nessuno si sarebbe accorto del cerchio. Una burla che rischiava di non essere mai scoperta dunque. Che senso avrebbe?
Che siano arrivati gli ufo a Macello? Michele Salvai, con una battuta finale, non lo esclude, e commenta «potevano almeno farlo nel prato vicino, così non mi pestavano il grano».

http://www.ecodelchisone.it

Non hai trovato quello che cercavi? Prova con Google!

Google