15 dicembre 2004

UFO: ieri, oggi e domani 

Dai Vatican files agli archivi segreti USA

Ufo: storia di una menzogna
(Lacost e A.C. da "Informazona dell'8 gennaio 2005)

Il titolo della serata ufologica che si è svolta poco prima di Natale nel Cafè "la Giara" (di via Dante 29 a Cesano) e più precisamente nella sala "Area 51", era proprio accattivante. Qui - grazie a Diego e Pelo - si ripetono da due anni, con cadenza quindicinale, serate a tema con argomenti tra i più attraenti: serate di poesia, dove ciascun avventore può leggere la propria opera, e ancora, serate sulla cultura celtica con i vari professori a spiegarne usi e costumi, mostre di foto o pittura contemporanea, con i rispettivi artisti. Non è un caso che sia un locale gettonatissimo dagli studenti universitari.
Ma l'interessante serata prenatalizia ha avuto un richiamo particolare: era a tema ufologico e i relatori che vi hanno preso parte erano i più esperti del settore a livello nazionale.

Tra di loro figuravano il prof. Alfredo Lissoni, scrittore giornalista e coordinatore del Cun (Centro Ufologico Nazionale), Valentino Rocchi, ricercatore ufologico della Martesana, Marco Guarisco, pilota e membro del Cun, Giorgio Pastore, ricercatore del Crop (Centro di Ricerche Operativo sul Paranormale).
Il tutto era ideato e curato da Costantino Lamberti, già promotore del 2° Convegno ufologico svoltosi a Seveso nel capiente Palafamila qualche settimana prima.
Nello specifico, il prof. Lissoni ha enumerato i castelli di bugie con cui i governi civili e militari hanno fatto scudo alla verità, suscitando non poche domande dell'attentissimo e preparato pubblico. È stata poi la volta di Valentino Rocchi che ha sottolineato l'importanza dei rapimenti alieni, citando non a caso il famoso rapito ligure Fortunato Zanfretta; ed anche qui son fioccate numerose domande. È stato poi il turno del pilota d'aerei Marco Guerisco che ha elencato i suoi quattro incontri ravvicinati del 2° Tipo. E per finire, Giorgio Pastore che ha parlato dei cerchi nel grano, supportato da numerose fotografie sui vari casi, non ultimo quello di Desio, che ha acceso l'interesse dei presenti, evidentemente toccati da vicino - se non altro geograficamente - da questo misterioso argomento. Infine Costantino Lamberti ha sottolineato l'importanza di queste serate per infondere alla gente dubbi e domande che sino ad oggi non hanno ricevuto nessun tipo di risposta se non il tanto temuto silenzio...
E, in considerazione del successo ottenuto, si stanno già preparando nuovi incontri, sempre al Cafè "La Giara" nella sua sala "Area 51".

Lacost e A.C.

Sopra: Giorgio Pastore del C.R.O.P.

Non hai trovato quello che cercavi? Trovalo su Google!

Google