AGRIGENTO
LA VALLE DEI TEMPLI

            Agrigento venne fondata dai coloni di Gela nel 582 a.C. durante la loro espansione verso nord, lungo la costa. Inizialmente, venne chiamata Akragas. Furono i romani, quando la conquistarono nel 210 a.C., a rinominarla Agrigentum. Seguendo la via Sacra si arriva alla cosiddetta "valle dei templi", sulla quale troviamo alcuni splendori architettonici antichi di circa 2500 anni. Il più importante tempio è quello della Concordia, risalente al IV secolo a.C., ed è anche il meglio conservato, grazie al fatto che venne trasformato in chiesa cristiana dedicata ai Santi Pietro e Paolo nel VI secolo d.C. Ancora oggi, al suo interno, possiamo vedere, le pareti della chiesetta, parallele alle colonne del periptero. Il tempio venne edificato per celebrare la concordia degli agrigentini. Le sue colonne sono alte più di 7 metri ed erano stuccate di bianco. I frontoni (così come quelli degli altri templi) erano invece dipinti con vari colori. Oramai, tutto il colore è andato perduto quasi del tutto e rimane solo la nuda pietra. Un altro grande tempio, era (ormai non ne resta quasi più traccia) quello di Giove Olimpio, che aveva come colonne dei "telamoni", ovvero delle statue ispirate al mito di Atlante, costretto a reggere il mondo intero sulle sue spalle. I telamoni in questione erano usate qui per sorreggere l'architrave del tempio. 

Nella foto a destra vediamo Shadrak, collaboratore del C.R.O.P., appoggiato alla copia di un telamone, lasciato giacente vicino al tempio per poter essere ammirato dai turisti. L'originale è conservato all'interno del Museo di Agrigento.

agrigento1.jpg (105276 byte) A destra White Wings, collaboratrice del C.R.O.P., sta a sinistra dell'originale telamone conservato all'interno del Museo di Agrigento. 

Un tempo, i telamoni sostenevano l'architrave del tempio di Giove Olimpio.
agrigento21.jpg (32375 byte)

        Tra gli altri templi della valle, sempre in stile dorico, rigorosamente d'età classica, ricordiamo il tempio di Giunone e quello dedicato ad Ercole. Lo stile dorico è originario della Grecia continentale, ma venne importato nella Magna Grecia (Sicilia, Campania, Puglia e Calabria) dai coloni che giunsero da est via mare per fondare nuovi centri. 

Tutti i templi della valle hanno l'ingresso rivolto a est (cosa comune anche presso gli Egizi), dove sorge il sole. L'ovest era infatti associato alla morte, l'est alla vita.

Nel VII secolo d.C. la costa della Sicilia venne conquistata dagli Arabi, così la popolazione fu costretta a rifugiarsi a nord, sui monti e Agrigento (così come altre città della Sicilia) decaddero. Ancora oggi, tuttavia, con un po' di fantasia, è possibile immaginarsi lo splendore di questi luoghi, che continuano a resistere, con tutte le loro forze, alla spietata distruzione operata dal tempo.

Dott. GIORGIO PASTORE

FOTOGALLERY
(foto coperte da copyright)

agrigento10.jpg (81709 byte) agrigento11.jpg (122748 byte) agrigento13.jpg (55741 byte) agrigento14.jpg (103868 byte)
Sopra, il tempio della Concordia, IV sec. a.C.
agrigento15.jpg (88557 byte) agrigento17.jpg (92112 byte) agrigento18.jpg (102534 byte) agrigento19.jpg (17022 byte)
Sopra, il tempio della Concordia, IV sec. a.C.
agrigento20.jpg (164639 byte) agrigento3.jpg (23414 byte) agrigento4.jpg (84446 byte) agrigento5.jpg (160856 byte)
agrigento6.jpg (111262 byte) agrigento7.jpg (116644 byte) agrigento8.jpg (71745 byte) agrigento9.jpg (105014 byte)

Non hai trovato quello che cercavi? Trovalo su Google!

Google