ACERRA (NA)

...e la Madonna camminò!

       

Sembra incredibile, eppure sono stati molti i testimoni che venerdì 22 luglio 2005  hanno visto "camminare" la statua in gesso e marmo dell'Immacolata Concezione della Chiesa di San Pietro, ad Acerra (Na), o meglio, l'hanno vista muovere le gambe come se volesse farlo. Nel corso degli anni, abbiamo assistito a molti prodigi non da meno, Madonne e statue di Santi che piangono, numerose apparizioni e altri miracoli simili. Ma sembra proprio un caso unico quello di Acerra, perché di statue che si muovono non se n'erano mai viste.

I fedeli accorsi alla messa del 22 luglio dichiarano di aver visto ad un certo punto della funzione religiosa, intorno a mezzogiorno, il vestito della Madonna diventare sempre più trasparente, rivelando così il colore roseo delle gambe. Successivamente, queste si sarebbero mosse di qualche centimetro, così come i piedi. Subito, i ragazzi presenti hanno impugnato i loro telefonini per immortalare l'evento. Infatti, dalle foto raccolte si può notare effettivamente la realtà del fenomeno. I testimoni dichiarano di aver visto la Madonna distendere le gambe, come se volesse usarle per camminare verso i fedeli presenti. Alcuni dicono che il fenomeno si era già ripetuto altre volte, ma non ne avevano mai parlato per paura di non essere creduti. In questo caso però erano troppe le persone presenti venerdì perché la cosa passasse inosservata. Prima la gamba destra, poi la sinistra, le gambe si sono mosse e, muovendosi, hanno spostato il panneggio dell'abito immacolato. In molti dichiarano "non è suggestione, l'abbiamo visto davvero! muoveva anche le dita dei piedi".

I primi ad accorgersene sono stati la donna delle pulizie e il custode che, impauriti, sono fuggiti via. Ciò ha inevitabilmente richiamato però l'attenzione dei presenti.

Subito, come avviene di norma in questi casi, la Chiesa è stata invasa da decine di persone desiderose sia di assistere all'evento, mosse dalla curiosità, sia di essere miracolate dall'Immacolata Concezione.

Sarà un caso, ma in quasi tutti questi fenomeni "miracolosi" avvengono in periodi storici molto intensi e colmi di dolori. La Madonna di Fatima apparve nel 1917, durante la Prima Guerra Mondiale; quella di Ghiaie di Bonate (Bg), nel 1944, durante la Seconda Guerra Mondiale; la Madonnina di Civitavecchia (Rm) pianse sangue nel 1995, alla fine della guerra nella ex Jugoslavia ed ora questa Madonna fa parlare di sé, proprio a pochi giorni di distanza dagli attentati terroristici a Londra e in Egitto, a Sharm el Sheikh.

Che voglia farci riflettere? Alcuni sostengono che si tratti di un chiaro segno di tutto il dolore espresso in questi giorni in tutto il mondo. Altri invece pensano possa essersi trattato di un effetto ottico. Ma le persone presenti quel giorno affermano con sicurezza di aver assistito ad un vero miracolo.

Nelle ore seguenti, il Sindaco, d'accordo col Vescovo, ha deciso di sigillare la Chiesa in attesa che il simulacro potesse essere analizzato, ma la folla ha protestato, chiedendo di poter entrare a pregare. Alla fine, le autorità hanno acconsentito, ma don Oreste, il parroco, afferma "io non ho visto niente" e consiglia la gente di ritornarsene a casa. Obietta sul fatto di vedere tutti quei curiosi in Chiesa, lì non per pregare, ma per fotografare la bianca statua.

Il prodigio si è ripetuto anche sabato sera. Anche allora, molti testimoni hanno potuto assistere al miracolo. Sembra proprio che in questo caso la Madonna, oltre a muovere le gambe e le dita dei piedi, abbia mosso addirittura gli occhi. Il vestito bianco, come il giorno prima, è diventato trasparente, rivelando il color carne delle gambe.

Come sempre, la Chiesa procede coi piedi di piombo e chiede che vengano effettuate delle analisi. Le prime, ad opera della scientifica, tendono ad escludere che si sia trattato di un miracolo, cercando di riportare la situazione alla normalità, ma i fedeli presenti non si lasciano convincere facilmente. In molti sono d'accordo, ad Acerra la Madonna s'è mossa.

In questi giorni, la chiesa di San Pietro è frequentata da decine e decine di persone, fedeli, scettici, giornalisti, malati, religiosi...  desiderosi di scoprire la verità o semplicemente di pregare. Molte sono state le conversioni. Non si è mai vista una simile affluenza in questo luogo, e per la gente del posto, già questo è un vero miracolo.

GIORGIO PASTORE

***

30 luglio 2005

Madonna Acerra,primi esami negativi 
Vescovo: "Solo reazioni fisiche" 


Esito negativo per i primi esami sulla Madonna di Acerra: il fenomeno della "trasparenza" sarebbe dovuto a reazioni fisiche. Secondo il vescovo della cittadina napoletana, monsignor Giovanni Rinaldi, "le indagini proseguiranno fino alla chiara e definitiva spiegazione scientifica dei fenomeni". Gli esami "lasciano ipotizzare che le presunte anomalie siano determinate da reazioni fisiche del materiale della statua". 

Il vescovo ha sostenuto di aver chiesto la collaborazione della polizia scientifica "per acquisire oggettivi elementi di valutazione" in merito ai fenomeni eccezionali sulla statua della Madonna, "ed il conseguente clamore suscitato". "Personale del reparto della polizia scientifica, lo scorso 26 luglio - si legge nella nota della diocesi di Acerra - con l'ausilio di idonee apparecchiature, ha effettuato una ripresa video della statua nel momento in cui, al dire di un assiduo frequentatore della chiesa, si stava verificando il fenomeno di trasparenza delle vesti e di colorazione degli arti inferiori della scultura. Sebbene nessuno dei presenti verificava seppur minimi cambiamenti nell'effige mariana, la cassetta registrata e' stata inviata al laboratorio del gabinetto interregionale della polizia scientifica per essere sottoposta ad accurata analisi con sofisticati mezzi. Tale indagine non ha riscontrato movimenti o esaltazione di trasparenze". 

"Analogo accertamento - continuano dalla diocesi - è stato condotto dallo stesso personale della polizia di Stato su una ripresa video amatoriale effettuata il giorno 25, e nella quale gli arti inferiori trasparivano dalle vesti con un realistico incarnato e, secondo alcuni, si vedevano "movimenti" della statua. Anche in tale reperto gli inquirenti non hanno riscontrato l'esistenza di immagini anomale, che potessero attestare la realtà dei fenomeni". 

"Nel ricordare cha la diocesi di Acerra è impegnata nella realizzazione di un Piano Pastorale incentrato sulla Evangelizzazione e nel quale il laicato ha un ruolo fondamentale - è la conclusione - il vescovo ribadisce la necessità di contestualizzare le pratiche devozionali in una esperienza di fede che sia fonte di maturazione personale e di spinta missionaria. Comunque monsignor Rinaldi assicura i fedeli che le indagini proseguiranno fino alla chiara e definitiva spiegazione scientifica dei fenomeni". 

Fonte: http://www.tgcom.it/cronaca/articoli/articolo268761.shtml 

Si ringraziano i nostri collaboratori Castellone Luigi e Pasquale Arciuolo per il materiale fotografico fornitoci.

Non hai trovato quello che cercavi? Trovalo su Google!

Google